tumori

“Creating Beauty”, l’esperienza nella moda dei ragazzi malati di tumore diventa uno studio scientifico

  • Mar, 15/12/2015 - 20:16
Sono giovani, pieni di voglia di vivere. Hanno un obiettivo importante: costruire la propria identità e il rapporto con gli altri. Affrontano una sfida: farlo nonostante la malattia anche attraverso l’arte, in particolare attraverso la moda. Questa è la storia dei ragazzi del Progetto Giovani dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano. Una storia che è diventata un articolo scientifico. Il mese scorso, sulla rivista Tumori Journal, è stato pubblicato il racconto di un’avventura che ha preso il via, tempo fa, tra le corsie dell’Istituto Nazionale dei Tumori: 24 ragazzi malati, in cura nel reparto di Pediatria dell’INT, hanno creato un vero e proprio atelier di moda.

Spezie, frutti e verdure che prevengono il cancro: lo Ieo promuove la ricerca

  • Mar, 15/12/2015 - 19:41
Prevenire i tumori prima che si sviluppino, con farmaci o sostanze naturali, come il mirtillo o la curcuma. Ci crede l’Istituto Europeo di Oncologia (IEO), che ha appena celebrato il ventennale del Premio Bruno Martinetto assegnando il riconoscimento a Marilena Petrera, Ricercatrice della S.C. di Oncologia Medica dell’E.O. Galliera di Genova, che coordina, in particolare, lo studio MIRACOL - MIRtillo e curcumA per la prevenzione del tumore al COLon - attivo al Galliera e all’IEO. Da vent’anni il Premio è riservato ai giovani ricercatori italiani che si distinguono nell’ambito degli studi clinici di prevenzione, per sviluppare la ricerca indipendente in questo campo fondamentale per la lotta al cancro.

Tumori: solo il 46% dei pazienti coinvolto nella scelta della terapia

  • Gio, 19/11/2015 - 14:29
La qualità di vita del paziente colpito da cancro deve guidare la scelta della terapia. Otto oncologi su dieci sostengono che un trattamento con un profilo di tollerabilità peggiore va scelto solo se garantisce una sostanziale superiore efficacia. Servono però nuovi strumenti per facilitare il dialogo con i pazienti: soltanto il 46% dei malati si è sentito realmente coinvolto nella scelta di terapie di pari efficacia ma con meno effetti collaterali. Netta la differenza rispetto al punto di vista degli specialisti: infatti il 90% dei camici bianchi afferma di rendere partecipe il malato in questa decisione. Ed è necessario migliorare la collaborazione fra oncologi e medici di famiglia nella gestione dei disturbi causati dalle terapie anti-cancro. Il 56% degli specialisti infatti ritiene che sia scarsa (è sufficiente solo per il 32%). È quanto emerge da due sondaggi condotti lo scorso ottobre dalla Fondazione “Insieme contro il Cancro” su 533 oncologi e 354 persone colpite da tumore del polmone e del seno in fase avanzata, presentati oggi a Roma in un incontro con i giornalisti realizzato grazie a un educational grant di AstraZeneca.

Trovato nuovo ruolo per la proteina p53 nel metabolismo dei tumori

  • Lun, 09/11/2015 - 13:25
Ricercatori dell’Istituto per l’endocrinologia e l’oncologia 'Gaetano Salvatore' del Consiglio nazionale delle ricerche (Ieos-Cnr) di Napoli e dell’Università di Salerno hanno scoperto che la proteina p53, già nota per essere coinvolta nello sviluppo delle neoplasie, regola la via metabolica del mevalonato (fondamentale per la proliferazione cellulare) la cui produzione incontrollata è stata associata a diversi tipi di tumori: carcinomi mammario, polmonare ed epatico, linfomi, leucemie e tumori cerebrali quali i glioblastomi. Il lavoro, pubblicato sulla rivista Cell Death & Disease, potrebbe favorire l’identificazione di nuovi bersagli terapeutici.

I tumori crescono con lo splicing alternativo

  • Mar, 03/11/2015 - 13:36
Ricercatori dell’Istituto di genetica molecolare del Cnr di Pavia in collaborazione con l’Ifom di Milano hanno dimostrato che la proteina Nova2, fino ad ora considerata presente solo nel cervello, è espressa anche dalle cellule che compongono i vasi sanguigni ed è direttamente collegata al loro sviluppo. Lo studio è stato pubblicato su Nature Communications.

Fattore K, a Oristano le pazienti si raccontano

  • Ven, 30/10/2015 - 11:14
Da Cagliari a Oristano, viaggiando sull'onda del racconto, sulle parole di dolore, di sofferenza ma anche di speranza. La campagna Fattore K sull'importanza della giusta comunicazione tra operatore sanitario e paziente oncologico ha fatto tappa al San Martino di Oristano.

Pagine