#stopall'ictus

Prevenire a tavola l'ictus cerebrale: le regole degli esperti

  • Mer, 30/03/2016 - 12:32
Studi scientifici confermano come il consumo di olio d’oliva, frutta, verdura e pesce azzurro possa ridurre il rischio ictus fino al 20%. L’ictus cerebrale, purtroppo, rappresenta ancora la seconda causa di morte a livello mondiale e la terza nei paesi industrializzati. E le previsioni non sono delle migliori: entro il 2020 la mortalità per ictus rischia di raddoppiare a causa dell’invecchiamento della popolazione.

Stoccata vincente all'Ictus, Valentina Vezzali testimonial dell'Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale

  • Mar, 24/03/2015 - 12:45
Entro l’anno 2020 la mortalità per ictus rischia di raddoppiare a causa dell’aumento dei soggetti anziani e della persistenza dell’abitudine al fumo di sigaretta. L’ictus cerebrale non solo rappresenta la seconda causa di morte a livello mondiale e la terza causa di morte nei paesi industrializzati, dopo le malattie cardiovascolari ed i tumori ma è anche la prima causa di disabilità con un rilevante impatto individuale, familiare e sociosanitario.

“Stop all’ictus”: al via in Lombardia campagna di informazione e prevenzione

  • Mer, 17/09/2014 - 15:11
L’ictus rappresenta la prima causa di disabilità nel mondo, responsabile di oltre 6 milioni di decessi ogni anno, 650.000 dei quali in Europa. In Italia si stimano 200mila nuovi casi l’anno, di questi 40mila muoiono entro i primi 12 mesi e altri 40mila perdono l’autosufficienza. I costi sono salati: 3,7 miliardi di euro, lo 0,23% del Pil. Un’indagine realizzata dal Centro Studi Sanità Pubblica dell’Università Bicocca di Milano evidenzia che nel decennio 2000-2010 nella sola regione Lombardia i ricoveri per ictus e attacco ischemico transitorio sono stati oltre mezzo milione.