Siams

La chimica del comportamento amoroso

  • Lun, 11/04/2016 - 11:44
Non c’è funzione, comportamento o attività umana che non sia sostenuta e attuata dalle molecole e da processi chimici. A questa regola non sfuggono la passione amorosa, il comportamento sessuale e l’attaccamento sociale.

"Impotenza: che fortuna", disfunzione erettile valido campanello d'allarme di altre malattie

  • Mar, 15/04/2014 - 09:45
La disfunzione erettile (De) è uno dei disturbi più frequenti della sessualità maschile e consiste nella persistente o ricorrente incapacità a raggiungere una erezione di rigidità sufficiente a permettere un rapporto sessuale soddisfacente. Il disturbo può variare da una parziale riduzione della rigidità a una completa assenza di erezione. Dal 1993 è stato abbandonato in vecchio termine di impotenza, ricco di connotazioni psicologiche negative. La De deve essere ben distinta dai disturbi dell’orgasmo, della eiaculazione e del desiderio sessuale anche se può essere variamente associata ad essi. E' un disturbo “comune”, è presente in circa il 12.5% della popolazione generale maschile. Si stima che circa 3 milioni di italiani ne soffrano (dati pubblicati nel 2000 sulla rivista European Urology) e i dati sardi non si discostano da quelli nazionali e internazionali.

Disfunzione erettile, cause organiche e psicogene valido campanello d'allarme per altre malattie

  • Lun, 14/04/2014 - 11:53
La disfunzione erettile (De) è uno dei disturbi più frequenti della sessualità maschile e consiste nella persistente o ricorrente incapacità a raggiungere una erezione di rigidità sufficiente a permettere un rapporto sessuale soddisfacente. Il disturbo può variare da una parziale riduzione della rigidità a una completa assenza di erezione. Dal 1993 è stato abbandonato in vecchio termine di impotenza, ricco di connotazioni psicologiche negative. La De deve essere ben distinta dai disturbi dell’orgasmo, della eiaculazione e del desiderio sessuale anche se può essere variamente associata ad essi. E' un disturbo “comune”, è presente in circa il 12.5% della popolazione generale maschile. Si stima che circa 3 milioni di italiani ne soffrano (dati pubblicati nel 2000 sulla rivista European Urology) e i dati sardi non si discostano da quelli nazionali e internazionali.

Oppo sull'infertilità maschile

  • Ven, 28/03/2014 - 12:48
Alessandro Oppo, andrologo e endocrinologo del Policlinico di Monserrato, passa al setaccio il vasto universo dell'infertilità maschile.

Pagine