Paolo Moi

Un tavolo di lavoro sulla nutrizione artificiale nella Sic

  • Ven, 10/11/2017 - 19:04
"Apriremo un tavolo di lavoro che metta in luce le buone esperienze e permetta di uniformare i percorsi assistenziali per la nutrizione artificiale nella sindrome dell'intestino corto".

Nutrizione artificiale nella Sic, convegno al Microcitemico

  • Mar, 07/11/2017 - 18:03
Nutrizione artificiale, questa sconosciuta. Si parla poco di questa terapia medica ancora ignorata da tanti operatori sanitari. La nutrizione artificiale si applica su pazienti fortemente malnutriti o incapaci di nutrirsi autonomamente o che hanno delle situazioni in cui l'alimentazione, per un determinato periodo, non è possibile.

Sindrome dell'intestino corto, la parola a Paolo Moi

La  Sindrome dell'intestino corto, Sic, è una condizione che si verifica quando, sia per motivi congeniti, come in pediatria, che in seguito a resezione chirurgica, e questo è più tipico dell'adulto, viene resetto un pezzo dell'intestino e questo determina problemi nutrizionali importanti che variano in relazione all'estensione del tratto che viene rimosso.  "La nutrizione artificiale nella Sic" è l'evento che si terrà il 10 novembre a partire dalle 9 nell'aula Thun dell'ospedale Microcitemico Antonio Cao di Cagliari e chiamerà a raccolta specialisti, operatori sani

Nutrizione artificiale, questa sconosciuta Murru: "Creare la rete tra i professionisti coinvolti"

Nutrizione artificiale, questa sconosciuta. Si parla poco di questa pratica ancora ignorata da tanti operatori sanitari. La nutrizione artificiale si applica su pazienti fortemente malnutriti o incapaci di nutrirsi autonomamente o che hanno delle situazioni in cui l'alimentazione, per un determinato periodo, non è possibile. Un trattamento a volte salvavita, che nella maggior parte dei casi migliora la qualità di vita dei pazienti e che, purtroppo, viene ancora considerato un supporto e non un vero e proprio atto medico qual è.  

Premio Shardana alla memoria del "prof" Antonio Cao

  • Mar, 12/05/2015 - 13:37
Anche in famiglia era il “prof”, una vita dedicata alla sua passione, motore di un'esistenza al servizio della scienza, dello studio e dei bambini. Una passione che ha mosso le montagne della medicina e che ha lasciato un segno indelebile.

Terapia ferrochelante, Angelucci: "Cagliari in prima linea"

La talassemia, le sindromi mielodisplastiche ma anche altre patologie onco-ematologiche trasfusione-dipendenti, sono caratterizzate dal sovraccarico di ferro nel sangue, che può interessare diversi organi, tra i quali il cuore, il sistema endocrino e il fegato, con il rischio di gravi complicanze. E’ necessario intervenire tempestivamente per prevenirne l'accumulo ed evitare l'insorgere del danno. Negli ultimi anni ci sono state importanti evoluzioni delle terapie per quanto riguarda l’accumulo del ferro.

Pagine