oncoematologia

Ematologia in Sardegna, lo stato dell'arte: esperti a congresso il 6 e 7 maggio a Bosa

  • Mar, 03/05/2016 - 13:51
"Ematologia in Sardegna: Stato dell'arte in tema di ImmunoEmatologia e Medicina Trasfusionale, OncoEmatologia, Patologia della Coagulazione e Talassemie" è il titolo del congresso scientifico che si terrà a Bosa nell'aula magna del Seminario Vescovile il 6 ed il 7 maggio.

Tassare smog, fumo e alcool per finanziare farmaci innovativi contro il cancro

  • Ven, 22/01/2016 - 12:04
Istituire un Fondo per i Farmaci Innovativi in Oncologia (FFIO) destinato a garantire l'accesso uniforme alle cure innovative ai pazienti affetti da patologie oncologiche su tutto il territorio nazionale finanziato attraverso un'apposita tassa di scopo annuale della misura del 2 per mille a gravare sul fatturato delle attività economiche inquinanti e sulle produzioni di beni contenenti alcol e tabacco.

Scuola in ospedale e istruzione domiciliare

Quando arriva la malattia nella vita di un bambino la cosa più difficile è restare attaccati alla quotidianità. Ancora di più se il piccolo paziente è ricoverato in ospedale. I ritmi della giornata sono scanditi da visite, prelievi, analisi e i bambini spesso si perdono. Ma c'è una cosa che li tiene ancorati alla loro condizione di bambini, la possibilità di proseguire il percorso scolastico anche tra le corsie dell'ospedale, opportunità da pochi conosciuta e spesso poco sfruttata.

"Un, due, tre... Quattro... Stelle!?", sostegno psicologico per le famiglie dei piccoli pazienti oncologici

  • Gio, 14/05/2015 - 10:59
La malattia arriva e crea il black out. Il girotondo festoso della famiglia si annebbia sotto la nuvola della malattia, in modo particolare quando si tratta di patologie oncoematologiche. Ancora di più quando colpiscono i più piccoli. Quando un bambino si ammala la famiglia deve ricreare l'equilibrio. Spesso con la malattia i fratelli sani si trovano emarginati, abbandonati, lasciati a navigare in un mare di emozioni che neanche loro riescono a decifrare.

Parole e musica per curare i bambini malati

“C'era una volta una città abitata solo da bambini, gli adulti ci andavano solo per lavorare. Si chiamava Microcitemico. Alcuni abitavano la città per pochi giorni o al massimo una settimana, altri un giorno ogni tre settimane per tutta la loro vita. Altri ancora abitavano la città per mesi, alcuni anche per anni”.

Linfomi non-Hodgkin: Aifa accoglie richiesta della Fil

  • Mer, 05/02/2014 - 13:33
Fa registrare in Italia oltre 10mila nuove diagnosi all’anno e costituisce il tumore ematologico più diffuso. È il linfoma non-Hodgkin, la cui incidenza è andata crescendo negli ultimi 30 anni, soprattutto tra i soggetti in età avanzata. Per poterlo combattere, oggi abbiamo un’arma in più. Dal 30 gennaio, con pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, l’Agenzia italiana del farmaco ha notificato la possibilità di impiegare bendamustina per il trattamento di prima linea dei linfomi non-Hodgkin indolenti (che rappresentano il 50% dei linfomi non-Hodgkin) e mantellari, in quest’ultimo caso nei pazienti di età uguale o superiore ai 65 anni.