ministero della Salute

Sofosbuvir ed epatite C, appello dei malati al ministro Lorenzin

  • Sab, 12/07/2014 - 17:32
Non c’è pace per l’esercito di pazienti con epatite C che stanno aspettando da diversi mesi il primo di una serie di farmaci potentissimi in grado di curare l’infezione, in 12 o 24 settimane (a seconda delle caratteristiche del paziente) e con percentuali di eradicazione virale mai viste prima. La vera grande innovazione è che questi farmaci possono essere utilizzati anche in pazienti con malattia avanzata, in lista di attesa per il trapianto di fegato, nel post trapianto epatico, tutti soggetti che non avevano altre opzioni terapeutiche, molti dei quali condannati fino a poco tempo fa ad un lungo e doloroso cammino verso la morte.

Indisponibilità di farmaci: il richiamo del ministero

  • Mer, 18/06/2014 - 14:00
In merito alle segnalazioni relative a temporanea indisponibilità sul mercato nazionale di medicinali indispensabili per la cura e per la continuità terapeutica di determinate patologie il ministero ha emanato oggi una circolare rivolta a tutti gli operatori della filiera del farmaco e alle autorità territoriali richiamandoli alla puntuale e corretta osservanza di quanto disposto in materia dal decreto legislativo 17/2014 per contrastare il fenomeno dell’indisponibilità territoriale di determinati medicinali nelle farmacie.

Fecondazione eterologa, il ministero studia percorso per attuazione

  • Mer, 11/06/2014 - 14:22
"Ora che sono state rese note le motivazioni della sentenza con cui la Corte Costituzionale ha dichiarato illegittimo il divieto della fecondazione eterologa, stiamo verificando tutti gli aspetti di tipo sanitario nei quali la Consulta non è entrata", si legge in una note del ministero della Salute. "Si tratta di questioni che riguardano l’accreditamento dei centri, i criteri di selezione dei donatori, il consenso informato, la definizione di percorsi di fecondazione eterologa garantendo sicurezza, qualità e tracciabilità, e che devono essere approfondite con il rigore necessario".

Estate sicura 2014: il decalogo per evitare i rischi da ondate di calore

  • Sab, 07/06/2014 - 15:18
L’arrivo della stagione estiva ripropone il tema della difesa della parte più vulnerabile della popolazione dai rischi sanitari connessi alle ondate di calore, in particolare bambini piccoli, donne in gravidanza, anziani e malati cronici. In relazione a tale esigenza e considerate le condizione meteorologiche presenti sul territorio nazionale, caratterizzate da un aumento generalizzato delle temperature con valori che in alcune giornate potranno essere maggiori delle media stagionale, il Ministero, come negli anni passati, ha provveduto ad attivare le seguenti iniziative nell’ambito del programma di attività Estate sicura 2014. E’ già attivo (dal giorno 3 giugno fino al 15 settembre 2014) il Sistema nazionale di previsione allarme ondate di calore, che permette la previsione, sorveglianza e prevenzione degli effetti delle ondate di calore sulla salute della popolazione.

Diabete, appello di Songini all'assessore: "Attivi subito tavolo di lavoro per Registro regionale"

  • Gio, 22/05/2014 - 12:20
“Quarantacinque bambini di età inferiore a 14 anni su 100mila si ammalano di diabete tipo 1 ogni anno nell'Isola contro 10 nell’Italia peninsulare. La Sardegna, è noto, è l’area a più alto rischio di diabete tipo 1 a livello mondiale, dopo la Finlandia. E' necessario che la Regione Sardegna attivi al più presto un tavolo tecnico multidisciplinare volto a definire le modalità e le strategie più idonee per la costituzione di un Registro diabete, come stabilito dal Piano nazionale diabete”. E' l'appello che Marco Songini, direttore del Centro per il trattamento delle complicanze del Diabete dell'ospedale Brotzu, ha lanciato al neo assessore regionale alla Sanità Luigi Arru.

I ginecologi al ministro: "Subito linee guida, pronti a collaborare"

  • Lun, 14/04/2014 - 14:24
“I ginecologi italiani si rimettono alla decisione della Corte Costituzionale che permetterà, anche in Italia, la fecondazione assistita eterologa. Siamo pronti a dare il nostro contribuito per la stesura di nuove Linee Guida che regolino nel nostro Paese la procreazione medicalmente assistita”. E’ quanto afferma il presidente della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia, Sigo, Paolo Scollo in una lettera inviata al ministero della Salute e alla Conferenza Stato-Regioni.

Pagine