Microcitemico

Il potere di libri e musica, si rinnova il progetto al Microcitemico

  • Lun, 14/03/2016 - 14:06
I bambini insegnano. Sono loro che guidano gli adulti. Aiutano ad aprire mente e cuore se si riesce a mettersi al loro livello, alla loro altezza, se si riesce ad ascoltarli. Ma spesso è difficile riuscire ad ascoltare i bambini quando arriva la malattia, perché il grido della rabbia, dell'angoscia, della paura, spesso coprono le voci più intime.

A Cagliari il Congresso Nazionale Thalassemia 2.0

  • Mer, 23/09/2015 - 16:29
Due giorni con gli occhi della sanità puntati sull'Isola per il congresso nazionale Thalassemia 2.0. Sabato 26 e domenica 27 settembre i maggiori esperti della patologia faranno tappa a Cagliari per un evento che è anche l'occasione per celebrare ancora una volta il professor Antonio Cao.

La denuncia dei talassemici: "Stanze del Dh Talassemia Età Evolutive del Microcitemico assegnate alla Prima Clinica Pediatrica"

  • Mer, 24/06/2015 - 13:51
"Due stanze del reparto “Dh Talassemia Età evolutiva” al secondo piano dell’Ospedale Microcitemico, attualmente utilizzate per le terapie trasfusionali dei pazienti con talassemia, sarebbero state assegnate alla prima clinica pediatrica. Esprimiamo il nostro massimo disappunto per l’ennesima decisione perpetrata dalla Asl 8 ai danni della comunità di persone con talassemia che afferisce all’Ospedale Microcitemico che ci onoriamo di rappresentare". E' il grido d'allarme di Matteo Pusceddu, presidente di Thalassa Azione Cagliari Onlus.

Scuola in ospedale e istruzione domiciliare

Quando arriva la malattia nella vita di un bambino la cosa più difficile è restare attaccati alla quotidianità. Ancora di più se il piccolo paziente è ricoverato in ospedale. I ritmi della giornata sono scanditi da visite, prelievi, analisi e i bambini spesso si perdono. Ma c'è una cosa che li tiene ancorati alla loro condizione di bambini, la possibilità di proseguire il percorso scolastico anche tra le corsie dell'ospedale, opportunità da pochi conosciuta e spesso poco sfruttata.

"Un, due, tre... Quattro... Stelle!?", sostegno psicologico per le famiglie dei piccoli pazienti oncologici

  • Gio, 14/05/2015 - 10:59
La malattia arriva e crea il black out. Il girotondo festoso della famiglia si annebbia sotto la nuvola della malattia, in modo particolare quando si tratta di patologie oncoematologiche. Ancora di più quando colpiscono i più piccoli. Quando un bambino si ammala la famiglia deve ricreare l'equilibrio. Spesso con la malattia i fratelli sani si trovano emarginati, abbandonati, lasciati a navigare in un mare di emozioni che neanche loro riescono a decifrare.

Parole e musica per curare i bambini malati

“C'era una volta una città abitata solo da bambini, gli adulti ci andavano solo per lavorare. Si chiamava Microcitemico. Alcuni abitavano la città per pochi giorni o al massimo una settimana, altri un giorno ogni tre settimane per tutta la loro vita. Altri ancora abitavano la città per mesi, alcuni anche per anni”.

Pagine