ipertensione arteriosa

Ipertensione arteriosa: sei pazienti su dieci non sono curati

  • Mar, 19/06/2018 - 13:12
Il 60% degli europei affetti da ipertensione arteriosa non assume una terapia.

Ipertensione: primo fattore di rischio in Europa

  • Sab, 17/06/2017 - 14:18
L’ipertensione arteriosa è un problema che interessa un adulto europeo su tre. E il numero degli ipertesi è destinato a crescere a causa dell’invecchiamento generale della popolazione.

Giornata mondiale contro l'ipertensione arteriosa

  • Mar, 16/05/2017 - 16:21
Torna l’appuntamento annuale della SIIA – Società Italiana dell’Ipertensione Arteriosa - con la Giornata Mondiale contro l’ipertensione, in programma il 17 maggio e promossa in tutto il mondo dalla World Hypertension League.

CARDIOcheckAPP, un filo diretto tra medico e paziente iperteso

  • Lun, 13/03/2017 - 11:21
Si chiama CARDIOcheckAPP ed è una applicazione attualmente gratuita che si occupa prevalentemente del controllo dell'ipertensione in modo innovativo in quanto mette in comunicazione diretta medico e paziente condividendo i dati clinici in tempo reale.

Malattie croniche: il Sistema sanitario nazionale verso la "tempesta perfetta"

  • Mar, 19/05/2015 - 12:32
Il Servizio Sanitario Nazionale è paragonabile a una nave che si sta dirigendo verso la tempesta perfetta. Gli elementi per prevedere lo scenario imminente sono chiari: aumento progressivo delle malattie croniche (ipertensione, diabete, malattie cardiovascolari e tumori), tagli alla spesa sanitaria, scarsi investimenti strutturali, blocco del turn over.

Nascita prematura, fenomeno in aumento con differenze regionali

  • Sab, 22/11/2014 - 13:14
Ad oggi, nel mondo, sono circa 15 milioni/anno i bambini che nascono prematuri, prima della trentasettesima settimana: mezzo milione solo in Europa e 50mila in Italia (circa il 7% di tutti i nati). La sfida è rappresentata dal contenimento delle complicanze nel lungo periodo, in particolare quelle respiratorie e neurologico-sensoriali, che fanno seguito alla nascita pretermine – dovute all’immaturità degli apparati del neonato e alle eventuali comorbidità della mamma (pre-eclampsia, eclampsia, diabete gravidico, ipertensione arteriosa, epatosi gravidica) - e alle terapie praticate.