farmaci oncologici

Oncologia, Aifa: tavolo farmaceutica e revisione della governance

  • Mar, 16/02/2016 - 12:50
L’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) accoglie con favore le ipotesi di revisione dell’attuale governance farmaceutica avanzate dai clinici oncologi al fine di garantire la sostenibilità del sistema e l’accesso ai medicinali innovativi in arrivo in diverse aree terapeutiche.

Nuovo uso di vecchi farmaci: primi risultati dell’Istituto Europeo di Oncologia

  • Mer, 21/10/2015 - 10:10
In un articolo pubblicato su Nature Reviews in Clinical Oncology intitolato “Drug repurposing in oncology - patient and health systems opportunities”, Francesco Bertolini Direttore del Laboratorio di Ematoncologia Clinica dell’Istituto Europeo di Oncologia di Milano, Vikas Sukhatme dell’Università di Harvard e Gauthier Bouche dell’Anticancer Fund di Bruxelles propongono una nuova strada per ristudiare in ambito oncologico l’enorme arsenale di farmaci già disponibili per uso clinico, sia per il cancro che per altre malattie come il diabete o le malattie cardiovascolari.

L'allarme di Aiom sui farmaci anti-cancro innovativi: "Italia in ritardo, troppe differenze tra le Regioni"

  • Ven, 08/05/2015 - 12:06
In alcune Regioni del nostro Paese i pazienti accedono ai nuovi farmaci oncologici anche dopo 600 giorni dopo l’approvazione da parte dell’Aifa (Agenzia Italiana del Farmaco), con notevoli differenze tra Regione e Regione. Il dato emerge dal Convegno nazionale sull’etica in oncologia, promosso dall’Aiom (Associazione Italiana di Oncologia Medica) e dalla Fondazione Aiom, che si apre oggi a Ragusa.

Costi farmaci oncologici, Aiom: "Monitoriamo l'efficacia delle terapie"

  • Mer, 11/03/2015 - 13:13
“Il problema del costo eccessivo dei farmaci anti-cancro è una questione importante, ma va affrontato a 360 gradi, a partire dall’appropriatezza e dalla valutazione nell’ambito delle strategie di controllo della specifica patologia neoplastica. Va inquadrato in una prospettiva più ampia, che comprenda la completa realizzazione delle reti oncologiche regionali, l’immediata disponibilità delle terapie innovative in tutto il territorio, il miglioramento dei percorsi diagnostico-terapeutici-assistenziali, la valutazione post-registrativa del farmaco con il monitoraggio dell’efficacia clinica/tossicità e la semplificazione delle procedure amministrative. Inoltre, la disponibilità dei dati dei registri dei farmaci oncologici potrebbe permettere di rivedere il ‘costo’ di un farmaco sulla base della reale pratica clinica del nostro Paese, superando la complessa procedura dei rimborsi”. Carmine Pinto, presidente dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM), interviene nel dibattito sulla revisione del prezzo dei farmaci anti-cancro ad alto costo.

I costi elevatissimi dei "farmaci oncologici", Daniele Farci traccia il quadro della situazione

  • Gio, 19/02/2015 - 13:02
Fino ai primi anni 2000 negli USA un anno di trattamento con un farmaco oncologico costava, in media, meno di 10mila dollari per paziente. Dal 2005 al 2011 la cifra è salita a 30-50 mila dollari.