Associazione Italiana Registri Tumori (Airtum)

Tumori rari, nel 2015 in Italia 89mila nuovi casi

  • Gio, 07/04/2016 - 13:55
Nel 2015 in Italia sono stati diagnosticati 89mila nuovi tumori rari, il 25% di tutte le neoplasie. E la sopravvivenza a cinque anni per questi pazienti, spesso giovani, è del 55%, inferiore rispetto a quella registrata nelle neoplasie frequenti, pari al 68%.

Tumore prostata e stili di vita, Aiom: "Troppi falsi miti, serve più informazione"

  • Ven, 23/10/2015 - 14:11
Il 40% dei pazienti oncologici e i loro familiari pensano che l’attività fisica non apporti alcun beneficio, il 23% addirittura è convinto che aggravi il tumore. Non solo. Sei malati su dieci ritengono che cambiare le proprie abitudini alimentari non aiuti ad affrontare il cancro e ben il 55% di loro vorrebbe ricevere più informazioni sul legame tra stili di vita e neoplasie. Sono questi alcuni dei dati emersi da un’indagine europea condotta da Insite Consulting e Janssen su oltre 400 clinici e familiari di pazienti con tumore alla prostata in cinque Paesi, tra cui l’Italia.

Tumori, diminuiscono le diagnosi fra gli uomini

  • Gio, 24/09/2015 - 14:47
Per la prima volta in Italia diminuisce il numero di uomini colpiti dal tumore, con 194.400 nuove diagnosi stimate nel 2015 (erano 196.100 nel 2014, 199.500 nel 2013). Una tendenza costante, dovuta soprattutto all’efficacia delle campagne di prevenzione.

Carcinoma della tiroide in aumento nel mondo: non stop di tre giorni a Roma con i massimi esperti

  • Gio, 07/05/2015 - 10:30
Inaugura oggi a Roma una non stop di tre giorni sul tumore della tiroide. "I registri tumori internazionali documentano come il carcinoma della tiroide sia in rapido aumento in tutti i paesi del mondo, spiega Sebastiano Filetti, professore di Medicina Interna alla Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università degli Studi di Roma "Sapienza".

Morti per cancro in calo, ma è boom di tumori al polmone tra le donne

  • Lun, 27/10/2014 - 13:05
Le morti per cancro sono in netto calo. In circa vent’anni (1996-2014) sono diminuite del 18% fra gli uomini e del 10% fra le donne. Il numero di nuovi casi invece è sostanzialmente stabile rispetto al 2013: saranno infatti 365.500 nel 2014 (erano 366mila lo scorso anno, 364mila nel 2012 e 360mila nel 2011): 196.100 (54%) negli uomini e 169.400 (46%) nelle donne. Il merito è da ricondurre anche alle campagne di prevenzione, anche se il fattore di rischio più importante, il fumo di sigaretta, risulta ancora troppo diffuso.