ACTO onlus - Alleanza contro il Tumore Ovarico

Tumore ovarico: parte il 19 ottobre dallo IEO di MIlano "Sguardi d'energia"

  • Ven, 16/10/2015 - 16:33
Aver cura di se stesse, del proprio corpo e della propria bellezza: perché contro il tumore ovarico, il più insidioso e meno conosciuto dei tumori femminili, c’è bisogno di tutta l’energia delle donne; perché recuperare un rapporto positivo con l’immagine di sé aiuta ad affrontare meglio le terapie; perché l’attenzione alla propria persona è parte integrante del percorso di cura che oggi, per il tumore ovarico, dopo quindici anni di assenza di novità importanti, può avvalersi di terapie innovative che migliorano il tempo libero da malattia e la qualità di vita delle pazienti.

Tumore ovarico: Ricomincio da me: prendersi cura del proprio corpo e parlare della malattia per tornare alla vita quotidiana

  • Mer, 01/07/2015 - 16:38
Il tumore ovarico colpisce la paziente nella propria femminilità. Dopo l’impatto con la malattia, non è facile recuperare la propria immagine. Aiutare le pazienti a tornare alla propria quotidianità, invitarle a prendersi cura della propria persona, a trovare l’energia, anche attraverso l’immagine che proponiamo agli altri, sono momenti fondamentali nel percorso di cura. Per reagire alla malattia e riappropriarsi di se stesse sono importanti anche le piccole cose, i piccoli gesti quotidiani, un’ombra di rossetto, una parrucca… e si può, anche se a fatica, uscire fuori dalla spirale angosciante della malattia.

"Sguardi d'Energia" contro il tumore ovarico

  • Mer, 01/07/2015 - 15:52
Aver cura di se stesse e della propria bellezza: perché per combattere il tumore ovarico, il più insidioso e meno conosciuto dei tumori femminili, c’è bisogno di tutta l’energia; perché recuperare un rapporto positivo con l’immagine di sé aiuta ad affrontare meglio le terapie.

Tumori, malattie sempre più croniche e sociali: dalle associazioni pazienti sei proposte per affrontare l'emergenza

  • Ven, 26/06/2015 - 11:39
In Italia ogni giorno mille persone ricevono una diagnosi di tumore; 30mila famiglie ogni mese devono iniziare a confrontarsi con l’impatto psicologico, sociale ed economico della malattia. Fortunatamente cresce anche la sopravvivenza, che in Italia raggiunge ormai i 5 anni nel 60 per cento dei casi, uno dei valori più alti nei Paesi europei. Proprio i successi della ricerca stanno cambiando il volto dei tumori, considerati sempre più malattie croniche, di lunga durata, oltre che malattie sociali, a causa della loro crescente prevalenza: oramai sono oltre 3 milioni, un italiano su 20, le persone che hanno conosciuto la malattia e questo dato crescerà a un ritmo di circa il 3 per cento ogni anno.

Pagine