Ricerca, studi e sperimentazioni

Radiologia, borsa di studio a New York per giovane specializzando dell'ateneo

  • Lun, 11/09/2017 - 14:37
Medicina di qualità made in Sardinia. Giuseppe Corrias, specializzando all’ultimo anno in radiologia, laurea in Medicina nel 2013 conseguita all’Università di Cagliari, ha ricevuto un premio da 10.500 dollari dall’Issnaf, Fondazione scientifica senza scopo di lucro costituita da specialisti italiani negli Stati Uniti.

Malattie genetiche: la speranza di cura in un enzima

  • Ven, 08/09/2017 - 14:34
Per alcune malattie genetiche come fibrosi cistica o morbo di Gaucher, la speranza potrebbe arrivare dalla regolazione dell’enzima che controlla alcune proteine alterate in queste malattie. A sostenerlo uno studio a cui hanno partecipato l’Istituto di scienze delle produzioni alimentari (Ispa) unità di Lecce e l’Istituto di cristallografia sede di Bari (Ic) del Consiglio nazionale delle ricerche.

CNR-IBFM - A Christian Salvatore il Peres Heritage Initiative 2017

  • Dom, 03/09/2017 - 17:15
È stato conferito a Christian Salvatore, giovane ricercatore dell’Istituto di Bioimmagini e Fisiologia Molecolare del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR-IBFM) di Segrate (MI), il premio Peres Heritage Initiative 2017.

Resistenza batterica: da studio ricercatori Unica un passo avanti verso i nuovi antibiotici

  • Ven, 07/07/2017 - 12:28
Uno studio firmato da un team di ricercatori dell’Università di Cagliari è stato appena pubblicato su ACSNano, una rivista scientifica peer-reviewed con un importante impact factor che si occupa del mondo delle nanotecnologie, pubblicata da American Chemical Society.

Angela Corona: virologa dell'ateneo, premio Women in science negli Stati Uniti

  • Ven, 09/06/2017 - 16:36
Profilo mondiale per la ricerca made in Cagliari. Un riconoscimento che, oltre al gioco di squadra e alla mission d’ateneo, premia ricerca, applicazione e intuito.

Individuato il grafene "intelligente" che uccide le cellule tumorali e rispetta quelle sane: ricerca dell'Università di Sassari

  • Ven, 12/05/2017 - 15:12
Uccidere selettivamente le cellule tumorali senza danneggiare quelle sane è possibile. Tra gli studi che negli ultimi anni stanno cercando di trovare una soluzione alla carica aggressiva della chemio e della radioterapia, ce n'è anche uno dell'Università degli Studi di Sassari, recentemente pubblicato nella rivista scientifica "Angewandte Chemie".

Pagine