Tumori, in Sardegna 7mila nuovi casi
  • Gio, 14/11/2013 - 11:49

In Sardegna ogni anno quasi 7.000 persone sono colpite da tumore (3.716 uomini e 3.281 donne). Le percentuali di guarigione sono aumentate sensibilmente negli ultimi decenni, grazie ai programmi di screening e a terapie sempre più efficaci. Ma il sistema sanitario, costretto a tagli consistenti, può rispondere alle esigenze di questi malati solo con la realizzazione immediata delle reti oncologiche regionali, finora rimaste sulla carta nella maggior parte dei casi (solo il 5% dei progetti iniziali è stato portato a termine). Anche in Sardegna questo network non è ancora attivo. “Chiediamo che, all’interno della discussione sulle reti oncologiche, ci sia anche un ripensamento delle strutture – afferma Daniele Farci, coordinatore regionale Aiom (Associazione Italiana di Oncologia Medica) Sardegna e presidente del convegno -. Da un’indagine condotta insieme al Ministero della Salute e alla FAVO (Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia) è emerso che nel nostro Paese circa il 50% delle strutture che si occupano di diverse patologie oncologiche è al di sotto dei volumi minimi di attività che rappresentano indicatori indiretti di qualità. Inoltre in Italia i farmaci oncologici rappresentano il 25% della spesa ospedaliera per i medicinali, ma incidono solo sul 4% dell’intera nosocomiale. È quindi necessario agire innanzitutto sulle zone grigie dell’inappropriatezza, costituite ad esempio da esami diagnostici di scarsa utilità e da terapie di non comprovata efficacia”.

Degli strumenti per garantire la sostenibilità del sistema si parla domani a Cagliari (Thotel, Via Dei Giudicati 66) al convegno “Spending review in Oncologia: razionalizzazione delle spese e qualità dell’assistenza”, con la partecipazione, tra gli altri, dell’Assessore alla Sanità della Regione Sardegna, Simona De Francisci. “Evidenze scientifiche – continua il dott. Farci – indicano chiaramente che centri con bassi volumi di attività presentano risultati immediati e a distanza statisticamente più sfavorevoli, con incrementi della morbilità e mortalità. Un intervento chirurgico non adeguato o una strategia integrata non applicata possono compromettere l’esito delle cure, determinando un ulteriore utilizzo di risorse con ricadute anche sulla spesa sanitaria”. “Siamo consapevoli – conclude il prof. Carmine Pinto, Presidente eletto AIOM - della grave crisi economica che attraversa il Paese e che, anche nel settore oncologico, si debba procedere all’eliminazione di spese irrazionali e inappropriate, per rendere più efficiente l’organizzazione dei servizi e più efficace l’utilizzo delle risorse. Ma non condividiamo la filosofia dei tagli indiscriminati ai servizi. I ‘tagli lineari uniformi’, effettuati da parte delle Regioni senza alcuna distinzione tra ambiti patologici di ‘differenti gravità’ e senza valutazione delle conseguenze economiche, hanno finito per ricadere sui malati di cancro e sulle loro famiglie, incrementando le già notevoli disparità nei trattamenti”.

Patologie correlate: 
Dimensione: 
Politica sanitaria: 

Contenuti correlati