A Tempio la tappa gallurese della Giornata nazionale contro il dolore
  • Ven, 26/09/2014 - 16:57

Fa tappa in Gallura la IV edizione della Giornata nazionale contro il dolore. L’appuntamento è fissato per domani a Tempio Pausania in Corso Matteotti: gli operatori della Asl 2 di Olbia e volontari saranno a disposizione della cittadinanza, “trovare una terapia per il dolore, spesso è possibile”, spiega Nella Manconi, responsabile del servizio di Terapia del dolore dell’ospedale Paolo Dettori di Tempio Pausania.

Mal di schiena, mal di testa, artrosi, dolore oncologico, sindrome da “arto fantasma”. Sono solo alcuni esempi di quel dolore cronico che colpisce oltre 12 milioni di italiani, il 20% della popolazione attiva, con inevitabili conseguenze sulla qualità della vita e il lavoro, e con ingenti costi sociali e sanitari. “Ma curare il dolore cronico spesso si può: occorre però sapere come farlo e a chi rivolgersi”, spiega la Manconi, che sostiene l’iniziativa della Fondazione ISAL che da quattro anni organizza in tutta Italia la Giornata nazionale contro il dolore. Un’occasione per informare i cittadini sulle terapie disponibili e sui centri specialistici presenti sul territorio, diffondere la conoscenza dei diritti e raccogliere fondi a sostegno della ricerca scientifica. L’iniziativa, promossa con l’adesione della Presidenza della Repubblica e i patrocini di Senato, Camera dei deputati e ministero della Salute, prevede iniziative in tutta Italia di sensibilizzazione e informazione. “Il 10 % delle persone con dolore cronico necessitano per tutta la vita di terapie combinate, mentre il 4% soffre di un dolore cronico di cui a oggi non c’è alcuna possibilità di cura. Con questa manifestazione vogliamo rompere il muro del silenzio sul dolore cronico, perché è fondamentale in un mondo civilizzato investire nella ricerca e trovare terapie a quei dolori difficilmente trattabili”, spiega Manconi, che precisa come “le persone con il dolore cronico non devono chiudersi nella loro sofferenza, ma devono sforzarsi di far sentire la loro voce. Noi operatori condividiamo la loro battaglia e insieme possiamo trovare una soluzione”.

L’appuntamento è per domani, dalle 09 alle 14, in Corso Matteotti a Tempio Pausania.

 

Dimensione: 

Contenuti correlati