Talassemia, tagli e riduzione del personale mettono a rischio il modello di cura
  • Sab, 07/05/2016 - 11:37

Gian Luca Forni

Presidente SITE, Società Italiana Talassemie e Emoglobinopatie

 

Centri esperti e innovazioni terapeutiche

aiutano a “pensare positivo”.

Ma tagli e riduzione del personale

mettono a rischio il modello di cura

 

SITE sostiene insieme a UNITED la ricerca “Il valore per la persona con Beta Talassemia Major”: quali sono gli obiettivi di questa iniziativa?

L’indagine “Il valore per la persona con Beta Talassemia Major” ha avuto come obiettivo quello di raccogliere informazioni il più possibile esaustive sul percorso terapeutico-assistenziale di questi pazienti e le possibili implicazioni su quello che viene comunemente definito come “burden of illness”, ovvero l’impatto della malattia sulla vita quotidiana e sulle sue diverse componenti, individuandone il costo sociale, diretto e indiretto. L’aspetto innovativo dell’indagine sta nell’aver indagato sul carico emozionale dei pazienti e dei medici attraverso la narrazione libera, per arricchire le informazioni con il vissuto dei diretti interessati e degli operatori sanitari. Tutto questo ha reso meno arida la ricerca. Grazie alla collaborazione tra SITE e UNITED, e al supporto non condizionato di Novartis, azienda fortemente coinvolta in questo tipo di patologia, si è potuto dare avvio a un’indagine multicentrica, rappresentativa del territorio nazionale. Il valore più bello emerso, e quello forse più inaspettato, riguarda il vissuto dei pazienti, che manifestano una visione positiva, ottimistica rispetto alla malattia, alle terapie, alla copertura assistenziale, evidenziando un’ottima relazione con i centri e i medici. Il disvalore è legato, invece, alla preoccupazione per il futuro delle strutture e per i fattori organizzativi.

 

Qual è l’inquadramento e lo scenario epidemiologico delle talassemie?

Le emoglobinopatie, delle quali le talassemie fanno parte, sono un gruppo eterogeneo di anemie di tipo ereditario autosomico recessivo il che significa che da una coppia di portatori può nascere un bambino ammalato. Queste patologie sono causate da alterazioni della produzione dell’emoglobina, la proteina contenuta nei globuli rossi che ha la funzione di portare l’ossigeno in tutto l’organismo. In particolare, la Beta Talassemia Major è caratterizzata da un grave deficit o dall’assenza totale della sintesi delle catene della beta-globina. La Beta Talassemia Major, detta morbo di Cooley, è la forma più grave della Beta Talassemia. La diffusione delle emoglobinopatie interessa tutta la fascia temperata del mondo ad alta pressione malarica, perché l’essere portatori sani di una emoglobinopatia come la beta talassemia comportava una maggiore resistenza nei confronti della malaria. Per questo motivo i portatori di emoglobinopatie in queste zone erano più numerosi. I flussi migratori come quelli attuali da aree ad alta prevalenza hanno diffuso questa caratteristica facendo si che le emoglobinopatie siano oggi riconosciute come una emergenza sanitaria internazionale. Nel mondo sono più di 180 milioni gli individui portatori di anomalie dell’emoglobina di questi il 40% portatore sano di Beta Talassemia. In Italia i portatori sani sono circa 3 milioni con una prevalenza che raggiunge il 15-20% in alcune Regioni e aree come la Sardegna, la Sicilia, il Delta del Po, ma i vecchi e nuovi flussi migratori li hanno distribuiti uniformemente anche in zone come il Nord-Est del Paese che prima ne era preservato. Sono circa 7.000 i malati talassemici.

 

Come è cambiato in questi anni lo scenario terapeutico? Che impatto ha avuto l’avvento dei farmaci chelanti orali?

Ci sono stati alcuni passaggi determinanti di tipo organizzativo a partire dagli Anni ‘50-‘60 del secolo scorso quando in Italia la Talassemia fu riconosciuta come una emergenza sanitaria. Il legislatore, seguendo le indicazioni del mondo scientifico, affrontò questa emergenza creando una rete di strutture di prevenzione e cura che avevano il compito di diagnosticare i portatori sani di queste forme di anemia e di cercare di curare i malati che all’epoca avevano una aspettativa di vita di pochi anni e per i quali allora non esistevano terapie. Questa rete di strutture che si è in buona parte mantenuta anche con l’introduzione del Servizio Sanitario Nazionale, ha portato nei decenni successivi al raggiungimento di obiettivi che hanno pochi riscontri nel campo sanitario. Le campagne di prevenzione hanno portato ad una drastica riduzione delle nascite di bambini affetti dalle forme gravi di talassemia. La prognosi della malattia è cambiata da patologia rapidamente letale e senza terapie a malattia a prognosi aperta. Tutto questo grazie ad un paziente lavoro quotidiano di assistenza globale ai pazienti. Probabilmente per essere stato frutto di un lavoro poco evidente questo straordinario successo della medicina non ha goduto delle attenzioni mediatiche viceversa dedicate ad altre vicende sanitarie più eclatanti.

Le principali tappe terapeutiche a partire dagli Anni ‘60 sono state l’introduzione delle trasfusioni di sangue per ovviare alla mancata produzione di emoglobina e all’anemia mortale conseguente. La trasfusione di sangue prolungava la sopravvivenza dei pazienti, ma comportava accumulo di ferro nell’organismo incapace di eliminarlo. A causa della sua elevata tossicità, l’accumulo di ferro nel fegato, prima, e poi in molti altri organi, comportava l’insorgenza di complicanze che portavano a morte i pazienti. Negli Anni ’70 è arrivato il primo chelante a somministrazione lenta (8-12 ore), per via sottocutanea con una piccola pompa. Una terapia impegnativa ma salvavita. Negli Anni ’90 fece la sua comparsa il primo chelante orale assunto tre volte al giorno. Poi nel 2006 fu la volta di un chelante in mono somministrazione orale, che ha ulteriormente semplificato il carico terapeutico con un impatto estremamente positivo sull’aderenza alla terapia, in passato assai ridotta con conseguente comparsa di gravi complicanze. Da queste innovazioni terapeutiche sono derivati miglioramenti in termini di prognosi, qualità della vita e sopravvivenza.

 

Il focus della terapia adesso si è spostato dalla sopravvivenza alla qualità di vita e alla gestione delle complicanze: da questo punto di vista qual è l’importanza dei Centri esperti? Quali sono oggi i problemi più ricorrenti nell’assistenza sanitaria ai pazienti talassemici?

I Centri di riferimento svolgono un ruolo fondamentale, in quanto la terapia richiede un approccio multidisciplinare e solo i centri possono catalizzare diversi specialisti con la preparazione e le competenze necessarie per affrontare la complessità e la gestione di questi pazienti. I centri, inoltre, svolgono anche la formazione che permette agli specialisti di affrontare le varie complicanze, prima tra tutte la cardiopatia, che fino ad alcuni anni fa portava quasi sempre a morte, le endocrinopatie, l’epatopatia, l’osteoporosi. Sicuramente, senza i centri di cura non avremmo gli ottimi risultati di oggi, proprio perché sono necessari medici esperti in grado di riconoscere e gestire le caratteristiche peculiari di queste patologie. È stato scientificamente evidenziato come la prognosi della patologia cambi drammaticamente in peggio se non si è seguiti presso Centri specialistici, il cosiddetto “effetto centro”. Oggi purtroppo la sussistenza di questi Centri è a rischio: la rete organizzativa creata negli Anni ’60 e dimostratasi vincente sta andando incontro a un processo di disgregazione insieme alla cultura che si è accumulata in oltre 50 anni di lavoro nei vari settori della diagnosi e della prevenzione, della terapia e della ricerca.

 

Quali sono attualmente le prospettive dei Centri esperti?

Non è esagerato parlare di una vera emergenza: l’Italia che era considerato, a ragione, il Paese più all’avanguardia nella cura e nella ricerca nel campo delle talassemie e delle emoglobinopatie, rischia adesso di ritrovarsi sguarnito di strutture e professionalità in presenza di una nuova emergenza. Negli anni sarà inevitabile il ricambio generazionale ma mancheranno operatori sanitari preparati e in grado di sostituire i professionisti in uscita. E d’altra parte questo ambito è poco attrattivo per i giovani, scarsamente finanziato. Inoltre i laboratori, componente essenziale del percorso diagnostico-terapeutico di prevenzione ed assistenziale, sono stati spesso scorporati dai centri e le attività di diagnosi e prevenzione rischiano di diventare meno efficaci perché il counselling deve essere fatto da personale esperto della patologia e non può essere delegato a strutture generaliste. Così, paradossalmente, malgrado i tagli, i costi aumenteranno per l’inappropriatezza delle prestazioni, e aumenterà anche l’incidenza perché l’informazione sulla patologia sarà carente.

 

In che misura la contrazione delle risorse e i tagli al personale potrebbero mettere a rischio questo modello?

Oggi i centri di riferimento per la cura di queste patologie sono circa 30 sul territorio nazionale. Saranno proprio quelli più grandi, complessi e meglio organizzati a rischiare maggiormente a causa della frammentazione. Il modello assistenziale che abbiamo creato in tanti anni di duro lavoro funziona, lo dicono i risultati e lo ribadisce quest’ultima indagine condotta da ISTUD. Il mantenimento di una rete come questa non comporta un aggravio delle spese mentre smantellarla significherebbe senza dubbio aumento dei costi sociali e per il Servizio sanitario nazionale. Preservare i Centri è fondamentale per patologie come le talassemie, che necessitano di una cura globale e quotidiana che, oggi, è possibile grazie alle terapie innovative, a specialisti formati e a un modello assistenziale vincente.

 

Uno degli aspetti che emerge dalla ricerca ISTUD è quello relativo al valore della relazione con i medici, da parte dei pazienti: come viene vissuto questo aspetto dai medici? E qual è la condizione del medico che si dedica all’assistenza dei pazienti talassemici?

Gli operatori sanitari in questo caso hanno a che fare con pazienti iper-cronici, alcuni di loro hanno superato i 50 anni. Il legame che si crea tra medico e paziente va oltre il semplice e usuale rapporto curante-malato: la relazione diventa consuetudine, si arriva quasi a costruire una situazione che riproduce le stesse dinamiche del contesto familiare, specialmente quando i pazienti sono in età adolescenziale. I pazienti più giovani, infatti, hanno spesso un rifiuto del medico curante così come rifiutano la figura genitoriale e molto spesso è difficile per il medico gestire i rapporti con loro e con i componenti della famiglia. Certamente per il medico seguire questi pazienti è molto impegnativo psicologicamente, anche perché la continuità assistenziale è molto serrata. Il medico sperimenta un forte carico emozionale legato a un’assistenza che comporta impegno e dedizione, e che non sempre è riconosciuta dai Direttori delle aziende sanitarie, dal momento che le logiche ispirate alla gestione efficiente dei tempi investono anche il mondo della sanità. Questo fa si che l’operatore sanitario soffra, oppresso da un senso di doppia frustrazione che tuttavia riesce ancora a compensare.

D’altra parte questa attività non apre la strada a carriere allettanti né a forti remunerazioni nel privato e tutti vivono un senso d’insicurezza per il futuro. Eppure basterebbe assai poco per ribaltare la situazione: consolidare il modello organizzativo dimostratosi vincente focalizzandosi sui progressi, mettendo in campo programmi nazionali di prevenzione, promuovendo la ricerca per la realizzazione di nuovi farmaci. Un maggiore riconoscimento al lavoro quotidiano potrebbe cambiare le prospettive future. 

Patologie correlate: 
Dimensione: 

Contenuti correlati