Su spesa farmaceutica degli ultimi due anni la Corte dei Conti promuove la Regione
  • Gio, 20/03/2014 - 13:32

La Corte dei Conti promuove la Regione per la spesa farmaceutica in Sardegna che in due anni, dal 2011 al 2013, si e' ridotta di oltre il 16% - da 87,4 a 73,2 milioni di euro - grazie al controllo degli sprechi messo in atto con un'azione congiunta di Regione, Aziende ospedaliere e Sardegnait, la società in house della Regione. I dati sono emersi durante l'udienza di questa mattina della Sezione di controllo di Cagliari. La spesa farmaceutica ospedaliera nell'Isola è calata del 15,66% dal 2011 al 2012 e ancora dello 0,73% dal 2012 al 2013. I risparmi più consistenti all'Aou Sassari (42,22% fra 2011-2012).

L'azienda ospedaliera Brotzu di Cagliari è in controtendenza rispetto alla capacità di risparmio dimostrata dalle aziende sanitarie e ospedaliere della Sardegna emersa dalla relazione della sezione di controllo delle Corte dei conti. Dal 2012 al 2013 la spesa dell'azienda ha fatto registrare un'impennata di poco meno del 12% nelle spese farmaceutiche, a fronte di un calo di circa il 10% registrato nell'anno precedente. Il direttore Antonio Garau durante l'udienza della sezione di controllo della Corte dei conti di questa mattina a Cagliari ha spiegato però che l'incremento registrato al Brotzu è dovuto al ricovero in Nefrologia di due pazienti affetti da una malattia rarissima, la sindrome emolitica uremica, pazienti che costano 300 mila euro all'anno ciascuno di spesa farmaceutica.

Dimensione: 
Politica sanitaria: 

Contenuti correlati