Proposta su alcol e gravidanza
  • Gio, 12/09/2013 - 14:47

Sono circa ventimila le donne affette da alcolismo in Sardegna e la meta' di loro e' in eta' fertile. Per prevenire gravi malattie al nascituro durante la gravidanza è stata approvata all'unanimità, in commissione sanità del Consiglio regionale, una proposta di legge per garantire un'efficace prevenzione della cosiddetta "fetopatia alcolica". In particolare - ha spiegato il primo firmatario del testo, Giorgio Locci (Pdl) - sono previsti due esami tramite il dosaggio di due enzimi (la gamma Gp e la transferrina desialata) che sono in grado di confermare un sospetto abuso di sostanze alcoliche. Per il primo al momento e' prevista una compartecipazione della donna assistita, con il pagamento di un ticket, mentre il secondo è totalmente a carico della paziente. Con la nuova legge ("che verrà approvata al Consiglio regionale nella prossima seduta utile", ha assicurato Lorenzo Cozzolino del Pd) le donne a rischio verranno esentate dalla spesa dei due esami.  Altre misure importanti di prevenzione, oltre agli esami con i due enzimi, sono l'informazione delle donne in gravidanza e dei loro partner sui rischi correlati all'assunzione di alcol, il riconoscimento tempestivo da parte del medico dei rischi che corre la madre del nascituro e la sensibilizzazione della popolazione sulla necessita' di rinunciare all'alcol durante la gravidanza. Le patologie piu' frequenti per il bambino - e' stato messo in evidenza durante la conferenza stampa di presentazione della proposta di legge - sono il ritardo di accrescimento le alterazioni delle ossa del viso e della testa (microencefalia), e il deficit di sviluppo psico-fisico con ritardo mentale. La copertura finanziaria per le misure di previsione prevista dalla proposta di legge e' di 300mila euro l'anno.

Dimensione: 
Politica sanitaria: 

Contenuti correlati