Olbia: bimba di 10 mesi in rianimazione per sepsi meningococcica
  • Gio, 08/05/2014 - 12:59

Una sepsi meningococcica da meningococco di sierotipo B ha colpito a Olbia una bambina di 10 mesi, ora ricoverata nel reparto di Rianimazione delle Cliniche dell’Aou di Sassari. La prognosi è riservata. La sorellina gemella, invece, sta bene, e si trova ricoverata, in osservazione, nel reparto di Pediatria dell’ospedale di Olbia. Il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica della Asl di Olbia ha attivato immediatamente l’indagine epidemiologica e profilassato una ventina di persone che sono state a contatto con la piccola. “Stiamo seguendo attentamente la situazione”, spiega Tonino Saba, direttore del Servizio di Igiene e Sanità Pubblica della Asl di Olbia. Martedì scorso, intorno alle 15, l’ambulanza del 118 ha trasportato nel Pronto Soccorso dell’Ospedale Giovanni Paolo II di Olbia una bambina di 10 mesi, con febbre alta; con lei i giovani genitori, una coppia di trentenni residenti a Olbia, e la sorellina gemella; dopo gli esami diagnostici, la piccola è stata trasferita nel Reparto Infettivi della Clinica Pediatrica di Sassari, con una diagnosi di probabile sepsi da meningococco, confermata nella tarda serata di ieri dagli esami di laboratorio eseguiti a Olbia e oggi dagli esami eseguiti a Sassari dall’Istituto di Igiene della facoltà di Medicina.

Le condizioni della bambina, che ora si trova ricoverata nel reparto di Rianimazione, risultano essere gravi e la prognosi è riservata. La sorella gemella, invece, che non mostrava alcun sintomo, è stata posta immediatamente in isolamento nel reparto di Pediatria nell’ospedale Giovanni Paolo II di Olbia, dove le è stata somministrata la profilassi e dove si trova ancora ricoverata. Le sue condizioni di salute sono buone.

In seguito alla segnalazione del Pronto Soccorso il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica della Asl di Olbia ha immediatamente attivato l’indagine epidemiologica e la sorveglianza sanitaria delle persone che sono state a contatto con le bambine, che non vanno a scuola e vivono coi genitori. Tra martedì e ieri, sono state individuate e profilassate una ventina di persone, principalmente parenti e amici in età adulta: a loro i medici, sia della Asl di Olbia che di Sassari, così come da protocollo, hanno somministrato immediatamente la profilassi antibiotica. I medici dell’Igiene Pubblica stanno proseguendo con l’indagine epidemiologica e le procedure di sorveglianza e stanno contattando tutte le persone che sono entrate in contatto con la piccola.

Patologie correlate: 
Dimensione: 

Contenuti correlati