Nuove prospettive di ricerca per un futuro senza Sla
  • Mer, 12/10/2016 - 11:03

Gli sviluppi e i nuovi scenari della ricerca scientifica sulla Sclerosi Laterale Amiotrofica, malattia neurodegenerativa che oggi in Italia affligge circa 6mila persone, saranno al centro del sesto Convegno scientifico annuale ‘Nuove prospettive di ricerca per un futuro senza SLA, promosso daAriSLA, la Fondazione italiana di ricerca sulla SLA.

Il convegno, che si terrà venerdì 14 ottobre 2016 a Milano, presso il Centro Congressi di Assolombarda, nell’auditorium Gio Ponti (Via Pantano, 9), nel tempo è divenuto un consueto appuntamento per la comunità scientifica che si occupa di SLA, in quanto preziosa opportunità di incontro tra i massimi esperti italiani e internazionali in questo ambito e occasione per condividere le conoscenze sulla SLA e aggiornarsi sui progressi compiuti dalla ricerca.

 

PROGRAMMA - La ricca programmazione della giornata prevede l’inizio dei lavori alle 9.45 con l’apertura del Presidente di AriSLA, Alberto Fontana, del direttore scientifico, Giulio Pompilio, e del Vice Presidente Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza, Alessandro Spada, seguiranno i saluti istituzionali del Presidente della III Commissione Permanente – Sanità e politiche sociali del Consiglio regionale lombardo, Fabio Rolfi, e dell’Assessore del Comune di Milano alle Politiche sociali, Salute e Diritti, Pierfrancesco Majorino. Alle 10.30 è prevista la Lectio Magistralis di Mario Melazzini, Presidente Aifa (Agenzia italiana del farmaco) che illustrerà come la ricerca scientifica costituisca un acceleratore di innovazione all’interno del sistema Paese, ma anche uno strumento di fondamentale importanza per rispondere ai bisogni della persona malata e proporre una migliore offerta terapeutica.

 

La mattina proseguirà con la presentazione dei risultati prodotti dagli studi di ricerca di base e traslazionale finanziati da AriSLA, con tre sessioni dedicate all’identificazione di biomarcatori diagnostici e prognostici di malattia, allo studio di nuovi meccanismi alla base dell’insorgenza della SLA ed all’epigenetica, ovvero quella branca della genetica che studia tutte le modificazioni ereditabili che variano l'espressione genica pur non alterando la sequenza del DNA, e si occupa dunque dell’influenza dell’ambiente sul nostro DNA. In particolare la sessione pomeridiana dedicata all’epigenetica sarà aperta dalla Lectio magistralis di Leonard Petrucelli, Capo del Dipartimento di Neuroscienze, Mayo Clinic di Jacksonville, in Florida, che illustrerà come i fattori epigenetici regolino l’interpretazione del DNA all’interno di ciascuna cellula vivente, influenzando quello che viene definito il fenotipo, ossia l'insieme dei caratteri che l'individuo manifesta. Tra gli interventi  previsto quello di Claudia Crosio del Dipartimento di Scienze Biomediche dell’ateneo di Sassari per parlare del progetto di AriSLA, ‘ALSHDAC1’, Pilot Grant finanziato con la Call 2014.

Al termine dei lavori della giornata, si terrà la premiazione dei migliori poster con l’obiettivo di valorizzare i progetti ongoing che godono del sostegno di Arisla.

 

La quinta edizione del Convegno ha visto la presenza in sala di circa 300 ricercatori e di oltre 800 persone che hanno seguito i lavori in diretta streaming. Anche quest’anno ci sarà la possibilità di seguire in tempo reale i lavori del convegno via web. L’iscrizione al convegno è gratuita e può essere effettuata sul sito di AriSLA www.arisla.org.

 

RELATORI: Federica Agosta, Fondazione Centro San Raffaele, Milano, Camilla Bernardini, Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma Alberto Chiarugi, Università degli Studi di Firenze, Mauro Cozzolino, Istituto di Farmacologia Traslazionale, CNR, Roma, Claudia Crosio, Università degli Studi di Sassari, Stella Gagliardi,Istituto Neurologico Nazionale “C. Mondino”, Pavia, Francesca Granucci, Università degli Studi di Milano-Bicocca, Mario Melazzini, Italian Medicines Agency, Rome, Chiara Parisi, Istituto di Biologia Cellulare e Neurobiologia, CNR, Roma, Leonard Petrucelli, Mayo Clinic, Jacksonville, FL,USA, Giuseppe Pignataro,Università degli Studi “Federico II” di Napoli,  Angelo Quattrini, Fondazione Centro San Raffaele, Milano,Kevin Talbot, Nuffield Department of Clinical Neurosciences University of Oxford, UK.

 

LA RICERCA SOSTENUTA DA ARISLA – AriSLA, principale organismo in Italia e in Europa a occuparsi esclusivamente di promuovere, finanziare e coordinare la ricercascientifica sulla SLA, dal 2009 ad oggi ha investito in attività di ricerca scientifica risorse pari a 9.731.516 euro sostenendo 105 gruppi di ricerca.

Dimensione: 

Contenuti correlati