Luci e ombre su trapianti e donazioni
  • Mar, 25/10/2016 - 13:10

In Italia il numero dei trapianti d’organo è pressoché costante da 10 anni. Nel 2015 sono stati 3326, in leggero aumento rispetto all’anno precedente. Ma sono ancora troppo pochi. Dalla nostra abbiamo, i professionisti, e la rete organizzativa. A remare contro una cultura della donazione praticamente sopita, una forte resistenza nelle donazioni da vivente e un gap nei donatori a cuore fermo che deve essere colmato. Siamo tra le eccellenze europee e dobbiamo esserne fieri. Oggi non si fanno più viaggi della speranza in Francia per un trapianto, i nostri bambini non vanno più a Pittsburgh. Solo 20 anni fa tutto questo sarebbe sembrato un sogno. Ma non basta. Se si chiudessero le liste d’attesa per il trapianto, occorrerebbero tra i 2 e 3 anni per trapiantare tutti i pazienti già in lista. E si ritorna al problema delle donazioni, poche troppo poche. Secondo il rapporto del Centro Nazionale Trapianti, in Sardegna nel 2015 sono stati eseguiti 33 trapianti di rene da donatore deceduto, 14 trapianti di fegato da donatore deceduto, 3 trapianti di cuore e un trapianto di pancreas. I donatori sono stati 21,6 per milione di persone, in calo rispetto all’anno precedente (27,4 p.m.p) e quelli utilizzati, in numeri assoluti, sono stati 31. Le persone che in Sardegna hanno espresso la loro dichiarazione di volontà alla donazione sono 41.220 (dato del Sistema Informativo Trapianti aggiornato a ieri). Alla vigilia dell’apertura del quarantesimo Congresso della Società Italiana Trapianti d’Organo (SITO) è un ritratto con luci ed ombre quello che disegnano a quattro mani Franco Citterio, presidente SITO attualmente in carica fino alla fine dell’anno e Presidente della Fondazione Italiana per la Promozione Trapianti d’Organo (FIPTO) e Umberto Cillo, presidente eletto SITO in carica da gennaio 2017, commentando le cifre del Centro Nazionale Trapianti. Perché loro, che sono tutti i giorni in sala operatoria, sanno bene che dietro a quei numeri c’è molto di più. Un’Italia a due velocità dove la professionalità e l’organizzazione corrono ma le coscienze si muovono a piccoli passi. Per questo al fianco della SITO si schiera la FIPTO che fa il suo debutto proprio in occasione del Congresso che si apre domani, mercoledì 25, all’Ergife Palace Hotel a Roma sotto la presidenza di Pasquale Berloco, per chiudersi il 28. Se SITO sarà la voce della Scienza, FIPTO sarà quella della Coscienza per far fare al nostro Paese quel passo in avanti di cui ha bisogno.

FRANCO CITTERIO: «I TRAPIANTI SONO TROPPO POCHI. DOBBIAMO FARE CULTURA DELLA DONAZIONE».

«Per la qualità dei Centri e per la qualità dei trapianti (misurabile in termini di risultati, sopravvivenza dei pazienti e qualità di vita post intervento) l’Italia può considerarsi soddisfatta – spiega Franco Citterio, presidente SITO attualmente in carica fino alla fine dell’anno e Presidente della Fondazione Italiana per la Promozione Trapianti d’Organo FIPTO – ma sono ancora troppo pochi i trapianti effettuati. E questo perché manca ancora una vera cultura della donazione nel nostro Paese. E se qualcosa si è fatto in questi anni in termini di donazione da donatore deceduto ancora moltissimo si deve fare per la donazione da vivente che incontra moltissime resistenze. Basti guardare il divario numerico nel 2015 che c’è nel trapianto di rene da donatore vivente tra Italia (301) e quelli (1075) eseguiti in UK, paese dello stesso numero di abitanti dell’Italia. Quella delle donazioni è una spina nel fianco nel sistema italiano dei trapianti per questo dobbiamo fare più educazione, più cultura della donazione a 360 gradi, solo così l’Italia potrà crescere. Stare uno o due anni in lista d’attesa è un problema enorme perché il quadro clinico del paziente spesso si aggrava. Dobbiamo fare il possibile perché questo tempo si riduca al minimo. E ancora una volta, inutile dirlo, torna il discorso sulle donazioni: donatori in morte cerebrale, donatori a cuore non battente, donatori viventi».

 

UMBERTO CILLO: «PARLIAMO ALLE COSCIENZE MA ANCHE AL LEGISLATORE. I MEDIA POSSONO FARE MOLTO PER AIUTARCI»

«Dal punto di vista scientifico ed organizzativo l’Italia non ha nulla da invidiare, anzi ha molto da insegnare a tanti Paesi nel mondo – dice Umberto Cillo, presidente eletto SITO in carica da gennaio 2017 – però ci sono dei gap che dobbiamo colmare rapidamente. Prendiamo proprio i trapianti da donatore a cuore fermo: nel nostro Paese stiamo iniziando adesso. In Olanda e in altre nazioni si fanno da anni. In Italia l’accertamento della morte con criteri cardiaci prevede che, prima di poter dichiarare il decesso e quindi prelevare gli organi, per almeno 20 minuti non ci sia attività cardiaca e circolo. Fino ad oggi in Italia si è pensato che quel limite di 20 minuti fissato dal legislatore rappresentasse un punto di non ritorno che rendeva gli organi inutilizzabili. Oggi abbiamo capito che possiamo rigenerare gli organi e possiamo anche gestire diversamente il potenziale donatore grazie alla circolazione extracorporea. Una soluzione messa in atto in sala operatoria nell’attesa – speriamo non infinita – che il legislatore si renda conto che le cose vanno riviste alla luce dell’esperienza internazionale. Perché sono molti i pazienti che hanno bisogno di un organo. Anche se per capire davvero le liste d’attesa è necessario rendersi conto che si tratta solo della punta di un iceberg. Impossibile non pensare a quanti pazienti a quelle liste neppure arrivano e per i più svariati motivi: perché muoiono prima, perché non ricevono una corretta diagnosi, perché nessuno gli prospetta come via d’uscita quella del trapianto. Si tratta dell’emerso non del reale bisogno. Ognuno di noi può salvare una vita, anzi più vite, scegliendo di diventare donatore. In vent’anni abbiamo fatto passi da gigante in termini di professionalità in sala operatoria e di organizzazione ma solo piccoli passi nelle coscienze. Per questo la SITO e la FIPTO chiedono l’aiuto dei mass media per tornare a parlare di trapianti e donazioni, non solo quando c’è un evento di cronaca».

 

PASQUALE BERLOCO: «UN CONGRESSO PER FARE IL PUNTO SULLE NUOVE SFIDE»

«Il Congresso della Società Italiana Trapianti d’Organo – dice Pasquale Berloco presidente del 40esimo Congresso SITO - si pone come sfida quella di affrontare tematiche di grande attualità: dalla donazione da vivente a quella da cuore non battente. Sarà l’occasione per confrontarci sulle nuove strade da percorrere per la conservazione e per la rigenerazione degli organi. Un Congresso che si tiene a Roma non per caso, perché è a Roma che 50 anni fa Paride Stefanini con Raffaello Cortesini (presente alla cerimonia inaugurale) ha eseguito il primo trapianto d’organi italiano, un trapianto di rene da una donna abruzzese ad una ragazza di 17 anni. Da allora di strada ne abbiamo fatta tanta. La SITO è sempre stata in prima linea e i Congressi sono sempre stati l’occasione per confrontarci e migliorare. Oggi possiamo dire con orgoglio che nel mondo della trapiantologia l’Italia ha ben poco da imparare dalle altre nazioni e spesso è presa a modello. Purtroppo non possiamo dire lo stesso per quanto riguarda le donazioni. Dobbiamo ancora fare molto». Il programma del Congresso sul sito www.congressosito.it

 

LE CIFRE DEL CENTRO NAZIONALE TRAPIANTI. E UNO SGUARDO AL MONDO

 

Trapianti

Nel 2015 (dati definitivi al 31 dicembre) sono stati 3326, in leggero aumento rispetto all’anno precedente (3250). Ci sono stati 1881 trapianti di rene (in tutte le combinazioni) dei quali 1580 da donatore deceduto e 301 da vivente; 1094 trapianti di fegato (in tutte le combinazioni) dei quali 1071 da donatore deceduto e 23 da vivente; 246 trapianti di cuore; 112 trapianti di polmone (in tutte le combinazioni); 50 trapianti di pancreas (in tutte le combinazioni) e un trapianto d’intestino.

Nel mondo nel 2015 sono stati eseguiti 119.873 trapianti, secondo l’OMS e l’ONT il 10% della necessità mondiale. L’Italia è al 19esimo posto con 55,6 malati trapiantati per milioni di persone, lontanissima dal primo posto della Spagna (100,7).

Liste d’attesa

In Italia pazienti in lista d’attesa al 31 dicembre del 2015 erano 9070. La maggior parte di questi è in lista di attesa per ricevere un trapianto di rene (6.765) e rispetto agli altri organi, al paziente è offerta la possibilità di iscriversi in più liste d’attesa. Mentre sono 1.072 i pazienti iscritti in lista per il fegato, 731 per il cuore e 383 per il polmone. Nel 2015, dati definitivi al 31 dicembre, 3326 pazienti sono stati trapiantati a fronte dei 9070 in lista: solo il 37%. Oggi, il tempo d’attesa medio per un trapianto è di: 3,1 anni per un rene, 2 anni per un fegato, 2,8 anni per un cuore, 2,3 anni per un polmone e 3,2 anni per un pancreas. La mortalità complessiva, annua, dei pazienti in lista d’attesa è del 4,4%. Se si chiudessero le liste d’attesa per il trapianto, occorrerebbero tra i 2 e 3 anni per trapiantare tutti i pazienti già in lista.

In Europa al 31 dicembre del 2015 c’erano 56.504 pazienti in lista d’attesa per un organo. Nel 2015 i decessi durante l’attesa sono stati 3874 (6,9%).

Donazioni

Sono quasi un milione e novecento mila gli italiani che hanno espresso la volontà ad essere donatori. “Una scelta in Comune” - la nuova modalità di registrazione della dichiarazione di volontà in occasione del rilascio o rinnovo della carta d’identità - ha registrato nel 2015 una vera e propria impennata con 104.571 cittadini che si sono espressi sulla donazione di organi e tessuti all’ufficio anagrafe (contro i 15.137 del 2014). Nel 2015 in Italia si sono contati circa 22 ,6 donatori per milione di persone, un tasso in calo rispetto al 23,2 dell’anno precedente. In numeri assoluti nel 2015 sono stati 1374 i donatori dei quali ne sono stati utilizzati 1165. La regione con il più alto tasso di donatori per milioni di persone è la Toscana (48), seguita dal Friuli Venezia Giulia (37,4) e dall’Emilia Romagna (30,4), Fanalino di coda la Sicilia (9,8), l’unica regione sotto il 10. A queste cifre bisogna aggiungere i donatori da vivente che sono stati 301 per il rene e 23 per il fegato. In calo il tasso delle opposizioni che è passato dal 31% del 2014 al 30,5 % del 2015.

 

LA SITO

«Come chirurghi trapiantologi ogni giorno ci confrontiamo con realtà diverse. Siamo al centro di un sistema di altissima complessità che rappresenta un unicum del pianeta della Sanità. Se c’è una lezione che abbiamo imparato bene in questi anni è che la chiave vincente è la collaborazione tra Centri e tra Professionisti. Senza protagonismi ma con il paziente davvero al centro del sistema. La SITO è chiamata a ‘governare la complessità’ in modo che faccia da raccordo tra tutte queste anime. Ma soprattutto ad essere un ‘marchio di qualità’, la voce della scienza da far sentire in un’aula universitaria, in una sala operatoria, in una commissione legislativa. In un universo di informazione frammentata e caratterizzata da fonti non sempre certe, la SITO vuole rappresentare un punto di riferimento sicuro per i pazienti e i cittadini garantendo la qualità delle informazioni che riguardano il mondo dei trapianti e il loro reale impatto clinico. Ai mass media chiediamo di starci a fianco, affinché ci aiutino a far arrivare il messaggio che il tempo non si è fermato ma, al contrario, è corso veloce verso il futuro. Aiutateci a far capire ai pazienti che l’età dei pionieri è finita e che devono avere fiducia».

 

LA FIPTO

«La Fondazione nasce con lo scopo di promuovere la divulgazione della cultura della donazione e dei trapianti d’organo. Ma anche della ricerca scientifica di particolare interesse sociale nel campo delle insufficienze terminali d’organo e della rigenerazione degli organi. Per questo in primo piano saranno messi tutti quei progetti di formazione per gli operatori sanitari e per la popolazione nel campo della donazione e dei trapianti» spiega Franco Citterio, presidente della FIPTO e presidente SITO fino alla fine dell’anno quando passerà il testimone ad Umberto Cillo.

Dimensione: 

Contenuti correlati