Informazione e sinergie, ricette per combattere il dolore
  • Mar, 27/05/2014 - 11:31

Conoscenza degli strumenti farmacologici e sinergia tra i professionisti. Sono questi i cardini su cui basare il trattamento del dolore, evidenziati in occasione del corso sulle strategie gestionali del dolore muscolo scheletrico acuto e cronico, che si è tenuto sabato 24 maggio all'ospedale Brotzu, promosso e organizzato da Giuseppe Dessì, direttore della Sc di Ortopedia e traumatologia del Brotzu di Cagliari. "Ridurre il dolore restituendo la normalità del quotidiano al paziente, oltre che una finalità etica e professionale del medico afferma il primario è un dovere, sancito anche dalla Legge 38/2010, che rende obbligatorio il censimento e la registrazione del dolore nella cartella clinica" afferma il primario. Il corso è stato preceduto da un sondaggio finalizzato alla valutazione della preparazione degli operatori del settore che ha messo in luce una conoscenza dell'argomento e una grande sensibilità sul tema. "Il trattamento del dolore è un'esigenza e un diritto del paziente" conclude Dessì,  "e richiede sinergia e ricerca di interazione proficua tra medici del territorio, ortopedici e figure professionali come anestesisti, infermieri e fisiatri". Per il raggiungimento dell'obiettivo è indispensabile la riforma delle reti tra urgenze, ospedali e territorio.

Guarda i video

Dolore acuto e cronico, parla Dessì

Fans, paracetamolop o oppioidi: Scarpignato mette a confronto le terapie antalgiche

La gestione del dolore nelle malattie reumatiche, la parola a Galli

 

 

Dimensione: 
Politica sanitaria: 

Contenuti correlati