Il 6% dei cittadini italiani soffre di ridotta tolleranza glucidica
  • Lun, 03/06/2019 - 11:32

Il 6% dei cittadini italiani soffre di ridotta tolleranza glucidica. Si tratta di una condizione che aumenta di quattro volte il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 e le sue complicanze. In totale nel nostro Paese questi potenziali pazienti sono oltre due milioni e mezzo e devono prestare grande attenzione al proprio stile di vita controllando il peso, seguendo una dieta equilibrata e praticando regolare attività fisica. Ma oltre a queste imprescindibili abitudini, oggi c’è un’arma in più che può venire in loro aiuto. Dalla ricerca nutraceutica, branca che si occupa dello studio dei benefici per la salute determinati da alcuni nutrienti, arriva un integratore alimentare derivato, con una particolare metodica produttiva, da due alghe marine: Ascophyllum nodosum e Fucus vesiculosus.

Si chiama Gdue ed è in grado di rallentare la digestione degli zuccheri a livello intestinale e abbassare così il livello della glicemia. Utile quindi anche per chi non è ancora diabetico ma corre il serio rischio di diventarlo. Alle ultime novità della ricerca scientifica sul trattamento del pre-diabete domani sarà dedicata una speciale sessione del IX Congresso Nazionale della SINut (Società Italiana di Nutraceutica) di Bologna. “Attraverso la somministrazione di prodotti come Gdue possiamo contenere il continuo aumento d’incidenza della malattia metabolica - sottolinea il prof. Arrigo Cicero, Presidente della SINut e Ricercatore presso il Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche dell’Università di Bologna -. I vantaggi maggiori sono per tutti quei giovani adulti che presentano già un’alterazione importante del glucosio ma non hanno ancora sviluppato il diabete vero e proprio. Il nutraceutico è una soluzione efficace ma non impegnativa come un farmaco ipoglicemizzante orale. Possiamo così migliorare il quadro clinico ed evitare che i pazienti siano costretti ad assumere per il resto della vita una terapia cronica antidiabetica. Oppure ritardiamo in modo determinante la necessità di cure più pesanti e il presentarsi delle complicanze della patologia diabetica che spesso sono già evidenti alla diagnosi. E’ fondamentale però riuscire ad intervenire il prima possibile”.

Da oltre 10 anni la SINut dedica particolare attenzione alla ricerca scientifica sulla prevenzione e il trattamento precoce di condizioni metaboliche che possono determinare gravi patologie croniche. “Il diabete è una tra le più diffuse a livello mondiale - prosegue il presidente SINuT -. Il numero di nuovi casi è in aumento soprattutto tra i giovani adulti. In Italia colpisce ben il 3% degli under 50 e quindi non va sottovalutata o considerata solo come una malattia della terza età. Gdue rappresenta un rimedio naturale per migliorare il metabolismo degli zuccheri. Rispetto ai farmaci tradizionali ha dimostrato di essere meglio tollerato e di non provocare effetti collaterali. Inoltre, seppur efficace, non determina repentine riduzioni del livello di glicemia che possono avere effetti negativi sulla qualità di vita. Quindi, nella maggioranza dei casi, è ben accettato da chi lo assume e viene considerato come un trattamento “meno pesante”. Al congresso di Bologna sono infine discussi, da specialisti di diverse discipline, i risultati di uno studio condotto dall’Università di Pavia e dall’Università di Bologna su 65 persone e recentemente pubblicato su Phytotherapy Research. “La ricerca dei due prestigiosi atenei italiani ha dimostrato tutte le potenzialità del nuovo nutraceutico - conclude Cicero -. Abbiamo analizzato uomini e donne in condizione di pre-diabete e i vantaggi che derivano dall’utilizzo dell’integratore. I prossimi studi che vogliamo avviare saranno invece indirizzati verso pazienti cronici che già assumono farmaci contro la malattia”. 

Patologie correlate: 

Contenuti correlati