Gli allergologi pediatri passano al setaccio le malattie delle vie respiratorie
  • Dom, 21/09/2014 - 14:31

L’uso dei probiotici in allergologia pediatrica, il trattamento dell’asma difficile del bambino e il presente e futuro della bronchiolite, malattia tipica della prima infanzia che interessa le basse vie respiratorie. Sono solo alcuni dei temi che sono stati affrontati nel corso del Congresso Regionale della Società Italiana di Allergologia e Immunologia Pediatrica (SIAIP) - Sezione Sardegna, che si è tenuto a Cagliari dal 19 al 20 settembre.

A tirare le fila dei lavori del Congresso sardo, Umberto Pelosi, presidente regionale della Società Italiana di Allergologia ed Immunologia Pediatrica e vicepresidente regionale della Società italiana di Pediatria (Sip), che insieme alla Società italiana di Pediatria ospedaliera (Sipo) ha patrocinato l’evento. Il Convegno, rivolto a pediatri, pneumologi, allergologi, medici di medicina generale e infermieri sia sardi sia provenienti da altre regioni d’Italia, ha ospitato i presidenti nazionali delle due società scientifiche: Franco Paravati, presidente della Società Italiana di Pediatria Ospedaliera e Roberto Bernardini, presidente della Società di Allergologia Pediatrica; oltre che Alberto Villani, vicepresidente della Società Italiana di Pediatria. Si è parlato di malattie invalidanti in età pediatrica che richiedono un’assistenza e una terapia continuativa e che spesso necessitano del ricorso ad altre strutture dislocate al di fuori della Sardegna. Tra i temi trattati vanno ricordati: le infezioni nel neonato (con una relazione di Vassilios Fanos), le malattie reumatologiche (con una relazione di Marzia Duse), le immunodeficienze (con una relazione di Alberto Ugazio) e l’asma difficile (con una relazione di Attilio Boner). I dati sull’incidenza delle principali malattie allergiche in età pediatrica indicano un 10% per l’asma; anche la rinite è al 10% in età scolare e arriva al 20% negli adolescenti; la dermatite atopica fa registrare invece un 6-10%, mentre le allergie alimentari interessano un 6-8% dei bambini al di sotto dei 3 anni e un 3-4% di quelli in età prescolare e scolare. Un importante spazio del convegno è stato dedicato ai casi clinici che verranno presentati da pediatri sia ospedalieri sia del territorio provenienti da varie sedi della Sardegna.

Nel programma del convegno, una particolare attenzione è stata rivolta all’allergia al latte alla quale è stata dedicata una sessione ad hoc con una relazione di Alessandro Fiocchi, editor-in-chief della World Allergy Organization (WAO). “La sezione sarda della Società Italiana di Allergologia e Immunologia pediatrica - dichiara Umberto Pelosi - ha ritenuto opportuno approvare la programmazione di questo congresso di aggiornamento in pediatria con particolare attenzione agli argomenti su esposti. Riteniamo indispensabile che la pediatria sarda moderna debba acquisire una buona conoscenza su questi temi ed in particolare sulle modalità di migliorare l’assistenza per i bambini sardi e l’efficacia nell’erogazione dei servizi, cercando di ottimizzare le risorse economiche, pur salvaguardando la qualità delle prestazioni”.

 

Patologie correlate: 
Dimensione: 

Contenuti correlati