Gessa sulla cannabis per scopi terapeutici

Il primo sì è arrivato in Abruzzo, poi la Sicilia ha seguito l'esempio. La giunta Crocetta ha dato mandato all'assessore alla Salute Lucia Borsellino di attuare tutte le misure affinché ci sia
la possibilità dell’uso terapeutico dei cannabinoidi nelle strutture sanitarie accreditate, pubbliche e private. La delibera di Palermo arriva due settimane dopo il sì del governo Renzi all’uso della cannabis a scopo terapeutico. Il Consiglio dei ministri ha deciso di non impugnare dinanzi alla Corte Costituzionale la legge regionale dell’Abruzzo del 4 gennaio 2014 sull’erogazione dei farmaci e preparati galenici magistrali a base di cannabinoidi per finalità terapeutiche. Il neurofarmacologo cagliaritano di fama mondiale Gian Luigi Gessa analizza gli effetti della legalizzazione dell'uso della cannabis a fini terapeutici nell'intervista di Nicola Pisu.

 

Gian Luigi Gessa
Medico, nato a Cagliari il 13 luglio 1932. Professore Emerito all’Università di Cagliari, dove è stato Professore Ordinario di Farmacologia dal 1970 e di Neuropsicofarmacologia dal 1994.
Al Dipartimento di Neuroscienze dell'Università di Cagliari e la Sezione di Cagliari dell’Istituto CNR di Neuroscienze, Gessa ha diretto diversi gruppi di ricerca impegnati nel campo delle neuroscienze, della farmacologia, della depressione, dell’alcolismo e delle tossicodipendenze.
Le sue più recenti scoperte hanno portato all’identificazione di nuovi farmaci per il trattamento dell’alcolismo e dell’obesità.
Ha pubblicato più di seicento articoli su prestigiose riviste scientifiche internazionali e diversi libri scientifici, alcuni dei quali sono stati adottati in corsi universitari e scuole di specializzazione.
Sotto la sua direzione scientifica, all’inizio degli anni Novanta, il Dipartimento di Neuroscienze (ed altri istituti dell'Università di Cagliari ad esso collegati) si è classificato al ventitreesimo posto, su scala mondiale, tra gli istituti di ricerca più produttivi e prestigiosi nel campo della Farmacologia [Xenobiotics, Current Contents, Life Sciences, 1993].
La sezione di Cagliari dell’Istituto CNR di Neuroscienze è stata valutata fra gli istituti italiani più produttivi nel settore delle neuroscienze [Nature Medicine, 2000].
Gessa è stato tra i fondatori e primo Presidente della Società Italiana di Psichiatria Biologica (SIPB), della Società Italiana di Neuroscienze (SIN) e della Società Italiana Tossicodipendenze (SITD); è socio onorario della Società Italiana di Alcologia (SIA) ed è stato Presidente della Società Italiana di Farmacologia (SIF).
Nel 1993 ha fondato la rivista Medicina delle Tossicodipendenze di cui è stato Direttore Editoriale fino alla cessazione delle pubblicazioni nel 2010. È attualmente Direttore Editoriale di Medicina delle Dipendenze.
È stato Chief-Editor delle riviste Alcoholism: Clinical and Experimental Research e Alcohol and Alcoholism, membro di numerose società scientifiche internazionali e del comitato editoriale di autorevoli riviste scientifiche.
Oltre a vari riconoscimenti in campo nazionale e internazionale, per la sua attività di ricerca ha ricevuto la laurea Honoris Causa dall’Università di Sassari.
Fa parte del Gruppo 2003 per la Ricerca Scientifica che riunisce gli scienziati italiani che lavorano in Italia e figurano negli elenchi dei ricercatori più citati al mondo nella letteratura scientifica compilati per le diverse discipline dall'Institute for Scientific Information (ISI) di Philadelphia.
Nel 2006 è stato nominato Grande Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.
Dal 2004 al 2009 è stato Consigliere Regionale della Sardegna con l’obiettivo dichiarato di promuovere una legge regionale sulla ricerca scientifica e l’innovazione tecnologica in Sardegna, legge approvata all’unanimità dal parlamento sardo nel luglio 2007.

 

Medicina delle Dipendenze - Italian Journal of the Addictions (Mdd), organo ufficiale della Società Italiana Tossicodipendenze (SITD), è una rivista scientifica trimestrale in lingua italiana diretta da Gian Luigi Gessa, Pier Paolo Pani e Leonardo Tondo, già fondatori di Medicina delle Tossicodipendenze.

 

Politica sanitaria: 

Contenuti correlati