Fimp: "Una mappatura dei fattori di rischio ambientale nelle scuole"
  • Lun, 12/06/2017 - 14:56

L’intervento sui rischi per la salute dei bambini e degli adolescenti legati all’inquinamento ambientale deve diventare una priorità sia per i pediatri che per le Istituzioni. Per questo la FIMP (Federazione Italiana Medici Pediatri), al G7 sull’Ambiente che si chiude oggi a Bologna, propone alle Istituzioni azioni concrete da attuare quanto prima: innanzitutto la mappatura dei fattori di rischio ambientale per inquinanti negli edifici scolastici compresi i campi elettromagnetici; il monitoraggio ambientale con rilevatori di varia tipologia dei fattori che possano avere effetti negativi sulla salute dell’infanzia e adolescenza; l’adeguamento dei “valori limite di riferimento” delle concentrazione dei determinanti negativi per la salute presenti in aria, acqua e suolo secondo il principio di precauzione; la pianificazione delle azioni di salvaguardia per mamma e bambino nei primi 1000 giorni di vita (dal concepimento al terzo anno); la promozione e realizzazione di campagne educative rivolte a bambini ed adolescenti, genitori, educatori delle scuole e società civile in genere; la programmazione ed il sostegno di interventi adatti a favorire l’utilizzo di energie rinnovabili; infine le iniziative adatte a favorire ed incentivare modelli di sviluppo eco-sostenibile.

Giampietro Chiamenti, Presidente nazionale FIMP, durante la manifestazione “Salviamo il Respiro della Terra” affidata nella gestione ad ANTER (Associazione con cui FIMP ha siglato una partnership scientifica che annovera oltre 200.000 cittadini e molte municipalità italiane a difesa delle problematiche ambientali) e inserita nel programma ufficiale del G7 sull’Ambiente, ha consegnato al Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti il documento “Ambiente e salute infantile: dalla consapevolezza del rischio alle strategie per limitare i danni e costruire la salute futura dei bambini italiani” elaborato dal Gruppo Ambiente della FIMP coordinato da Graziella Sapia. “Il Ministro – sottolinea Chiamenti - ha apprezzato l’iniziativa ed affermato che terrà conto del contributo civico e scientifico di FIMP anche in considerazione del fatto che sia stato elaborato da una categoria quotidianamente impegnata nella difesa della salute dei Bambini ed Adolescenti, che sono il vero patrimonio del nostro futuro, ai quali è doveroso consegnare un pianeta salvaguardato dai rischi incombenti dovuti all’inquinamento ambientale e ai cambiamenti climatici di cui i modelli sociali e la stessa azione umana sono responsabili. Data la consapevolezza del rischio incombente, per affermazione del Ministro, l’Italia perseguirà con determinazione il recente accordo firmato a Parigi a difesa dell’ambiente, rinforzando l’attenzione a interventi attinenti alle problematiche in oggetto”. Il documento, suffragato da voci bibliografiche, parte dalla “Convenzione dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza” approvata dall’Assemblea dell’ONU nel 1989 ratificata dall’Italia nel 1991 e sottolinea come dopo 26 anni la situazione dell’ambiente (terra, acqua ed aria) sia andata progressivamente e rapidamente peggiorando per il progressivo accumulo di fattori nocivi dovuti all’inquinamento indoor ed outdoor, a cui si sono associati i cambiamenti climatici, determinando un preoccupante aumento di patologia e degrado del Pianeta. “Si calcola che il 25% degli adulti e il 33% dei bambini in età 0-5 anni sia affetto da patologie riconducibili a fattori ambientali e che 1 decesso su 4 nel mondo secondo dati OMS sia attribuibile al vivere o lavorare in ambienti malsani - afferma Maria Grazia Sapia referente Nazionale FIMP per l’Ambiente -. Le sostanze chimiche di sintesi derivanti da attività industriali e agricole, lo smaltimento dei rifiuti, le produzioni energetiche e le radiazioni elettromagnetiche sono fattori di rischio che nel loro insieme agiscono sugli adulti, quindi anche sui gameti, sul feto durante la gravidanza e sul bambino sopratutto nei primi anni di vita (come stanno ponendo all’attenzione gli studi sull’epigenetica) determinando patologie documentate a carico degli organi endocrini, apparati respiratorio e digestivo, patologie cardiovascolari, alterazioni dello sviluppo neuro-cognitivo-sensoriale e del metabolismo, basso peso alla nascita, rischio di aborto e prematurità e infine non ultimo aumento della cancerogenicità. Particolarmente importanti sono le conseguenze dei pesticidi nel settore alimentare e dei particolati/polveri sottili negli ambienti domestici, urbani e scolastici per la funzione respiratoria che possono aumentare in modo significativo e diffuso la patologia sub acuta, cronica e la cancerogenicità”. La FIMP propone azioni virtuose anche ai propri associati tramite il Gruppo di lavoro FIMP per l’Ambiente. “Innanzitutto la diffusione della cultura sulla prevenzione dei rischi per la salute e per il rispetto dell’ambiente tramite un rapporto educativo sulle famiglie e su infanzia/adolescenza, incontri con la Società civile, le Amministrazioni, le scuole, i rapporti coi media e la firma di protocolli di intesa con Enti e Associazioni – conclude il dott. Chiamenti -; poi il monitoraggio della letteratura basata su evidenze scientifiche e le ricerche epidemiologiche osservazionali e la correlazione coi fattori di rischio per inquinanti ambientali rispetto alla patologia pediatrica; infine la formazione dei professionisti della sanità, degli educatori e delle persone con responsabilità direttive o delle associazioni della Società civile e la produzione di materiale informativo ed educativo.

Dimensione: 
Politica sanitaria: 

Contenuti correlati