Depressione post-partum: Comuni e Assl uniti per sconfiggerla
  • Ven, 24/11/2017 - 10:52

Lotta alla depressione post-Partum: nella Ats-Assl Olbia, grazie alla sensibilità delle amministrazioni comunali del distretto socio sanitario di Olbia che hanno approvato i finanziamenti previsti dal Plus, è stata potenziata l’attività di prevenzione. Per i prossimi 12 mesi, grazie ai fondi stanziati dalle amministrazioni comunali che ricadono nel Distretto socio-assistenziale di Olbia e inseriti all’interno dei Piani Locali Unitari dei Servizi alla persona – Plus, sarà possibile programmare attività di prevenzione e informazione anche in modo decentrato sul territorio, attivando, in accordo con i servizi sociali dei Comuni, le risorse di rete a supporto delle donne e della neocoppia genitoriale; sarà inoltre possibile implementare le attività ambulatoriali consentendo l’accesso allo screening per la depressione post partum di un numero maggiore di donne all’interno del Consultorio familiare.

La depressione post-partum è la più diffusa complicanza psichica del puerperio e colpisce una percentuale di donne stimata tra il 10 e il 20%, con conseguenze per la salute della stessa donna e del bambino anche nel lungo periodo.

Crisi di pianto, disturbi del sonno e dell’appetito, senso di fallimento e mancanza di energie, difficoltà a relazionarsi con il neonato, senso di colpa e perdita di interesse nelle attività quotidiane: sono alcuni dei sintomi che possono manifestarsi dopo il parto.

Per contrastare questo fenomeno la Ats - Assl Olbia, attraverso il Consultorio Familiare, ha attivato, e ora potenziato grazie ai finanziamenti inseriti all’interno del Plus, un percorso dedicato alle neo mamme, volto a sostenere la salute psico-fisica della donna nella gravidanza e nel primo anno di vita del bambino, attraverso l’individuazione precoce degli indicatori di rischio per l’esordio di una depressione post-partum.

 

Alcuni numeri in Gallura. Lo sportello di prevenzione e trattamento della depressione nella gravidanza e nel post-partum è operativo nel Consultorio familiare della Assl di Olbia dal 2013, attraverso programmi di screening del rischio depressivo in epoca perinatale, conferenze informative rivolte alla donna e ai suoi familiari, incontri di psicoeducazione, valutazioni diagnostiche e trattamenti clinici precoci.

Sono state circa 900 le donne che hanno aderito allo screening e quasi 1500 le presenze alle attività di prevenzione, informazione e consulenza promosse dallo sportello.

 

Un approccio globale alla salute della donna consente di individuare precocemente, fin dalla gravidanza, le donne con maggiore vulnerabilità bio-psichico-sociale che possono così essere inserite in appositi percorsi di sostegno e accompagnamento psicologico alla nascita.

Il percorso prevede una fitta rete di interventi a sostegno della donna e della coppia, quali:

-          Incontri di informazione e psico-educazione rivolti alla donna e al partner;

-          Screening per la rilevazione precoce degli indicatori di rischio depressivo;

-          Sessioni di rilassamento;

-          Consulenza psicologica, rivolte sia alla donna e alla coppia;

-          Psicoterapia individuale e di gruppo;

La Ats-Assl di Olbia invita quindi tutte le donne in gravidanza ad aderire allo screening.

La procedura è semplice e veloce: si tratta di compilare dei facili questionari nel corso di incontri di gruppo che si svolgono a cadenza mensile e di partecipare ad un incontro di informazione e di psico-educazione rivolto alla futura coppia genitoriale.

Per informazioni, iscrizioni allo screening e richieste di appuntamento è possibile scrivere una mail all’indirizzo spaziosicura@aslolbia.it o chiamare lo 0789/552403 (il lunedi dalle 9 alle 10.30)  o il numero 0789/552660 (il martedì, mercoledì e giovedì dalle 9 alle 13).

Dimensione: 

Contenuti correlati