Contro il dolore cronico infiltrazioni di gel piastrinico
  • Gio, 12/05/2016 - 13:18

In Italia il dolore cronico, quella forma di sofferenza che, perdurando nel tempo, è in grado di compromettere pesantemente il benessere psicofisico della persona, colpisce 1 cittadino su 4; nella sola provincia del capoluogo umbro sono circa 170.000 le persone che devono fare i conti con sintomatologie dolorose. Al Centro di Medicina del Dolore dell’Ospedale S. Maria di Misericordia a Perugia, da anni eccellenza regionale nel fornire una risposta concreta ai bisogni assistenziali dei pazienti che soffrono, il trattamento delle patologie muscolo-scheletriche viene praticato con una tecnica innovativa che si avvale di gel piastrinico.

Il gel viene ottenuto dalle piastrine presenti nel sangue del paziente che, una volta prelevato, viene filtrato e centrifugato, attraverso una tecnica sofisticata, per ottenere il prodotto finale. “Il Plasma Ricco di Piastrine (PRP), conosciuto anche con il termine di gel piastrinico, è un potente concentrato di plasma contenente fattori di crescita e proteine in grado di stimolare la rigenerazione e la riparazione dei tessuti”, afferma Massimo Renzini, terapista del dolore e Dirigente al reparto Anestesia e Rianimazione da cui dipende il Centro. “I fattori di crescita sono particolari sostanze proteiche capaci di stimolare la moltiplicazione e la differenziazione delle cellule nel nostro organismo determinando così la guarigione dei tessutiTra il 2014 e il 2015, il numero di pazienti da me personalmente trattati con gel piastrinico si è raddoppiato con ottimi risultati nella riduzione del dolore e, conseguentemente, nella qualità di vita delle persone”.

 

Tra le patologie più spesso diagnosticate e trattate vi sono i disturbi della colonna vertebraledorsale e lombosacrale, le degenerazioni osteoarticolari di spalla, anca, ginocchio e caviglia, i dolori cronici muscolari come la fibromialgia, le patologie tendinee, le neuropatie di tipo traumatico e diabetico, il dolore oncologico ma anche cervicobrachialgiedorsalgie e lombosciatalgie.

 

“Il notevole incremento nel numero dei casi trattati con plasma arricchito di piastrine è un importante riscontro dell’efficacia della terapia e della fiducia dimostrata dai pazienti – prosegue Renzini – ma si deve anche allacapillare collaborazione con medici di altre branche specialistiche e, soprattutto, con i medici di famiglia,che si rivolgono a noi per condividere e migliorare la strategia terapeutica di patologie molto spesso invalidantiIl Centro di Medicina del Dolore dell’Ospedale di Perugia è la prima, e per ora unica, struttura umbra in cui l’utilizzo di terapie integrative ad alta specializzazione, come le infiltrazioni di gel piastrinico, si avvale del ricorso amoderne tecniche ecografiche e soprattutto radioscopiche, non disponibili nella maggior parte degli altri centri. Questo mi consente di eseguire trattamenti attraverso procedure mininvasive, con la massima precisione e selettività, anche in distretti, come quello della colonna vertebrale, dove la sola ecografia non è sufficiente.

 

Il Centro opera anche in sinergia con gli altri reparti dell’Ospedale e con altre strutture sanitarie umbre, in modo da garantire al paziente un approccio il più possibile multidisciplinare. “Il dolore è comunemente considerato un sintomo; in realtà, è esso stesso una malattia. Il paziente ha quindi bisogno di essere compreso e guidato nella giusta direzione”, conclude Renzini, che è anche promotore della “Cartella Informatizzata del Dolore”, allo scopo di creare un coordinamento tra tutti i centri della Regione, in ottemperanza a quanto previsto dalla Legge 38 del 2010, che ha sancito il diritto a un equo accesso all’assistenza e ad un approccio terapeutico più appropriato.“Fondamentale è il rapporto che il nostro Centro ha fortemente voluto e instaurato nel tempo con i medici di medicina generale e gli specialisti di numerosi reparti del nostro ma anche di altri ospedali, che ci interpellano per numerose consulenze e terapie, non solo farmacologiche, volte al trattamento del dolore acuto, cronico, post operatorio ed oncologico”.

Dimensione: 

Contenuti correlati