Colombo (Ieo): "Ecco le armi per combattere il tumore ovarico"
  • Mer, 10/09/2014 - 15:23

Nicoletta Colombo

Direttore di Ginecologia Oncologica Medica, Istituto Europeo di Oncologia, Milano

Professore Associato di Ostetricia e Ginecologia, Università degli Studi di Milano-Bicocca

Membro del Consiglio Direttivo ACTO onlus - Alleanza contro il Tumore Ovarico

 

 

Le armi per battere il tumore ovarico: diagnosi tempestiva, centri specializzati, terapie in combinazione

 

 

Qual è il percorso che porta alla formulazione della diagnosi di carcinoma ovarico?

Il problema fondamentale del tumore ovarico è l’assenza di sintomi specifici che permettono di accertare la malattia. Si tratta di una neoplasia ancora poco conosciuta dalle donne e dalla stessa classe medica, e spesso viene addirittura confusa con il tumore dell’utero. Se la sintomatologia è molto aspecifica, la persistenza di alcuni segnali, come la distensione addominale, la necessità di urinare spesso, il dolore addominale, dovrebbe tuttavia indurre il medico a considerare tra le varie possibilità anche un tumore ovarico. A volte il tumore si scopre in modo del tutto casuale, durante un controllo ecografico. In alcuni casi, la diagnosi avviene quando la neoplasia è ancora allo stadio I ma non sempre la malattia è preceduta da una cisti ovarica benigna che poi si trasforma in maligna, o da un problema degli annessi uterini, fattori che favorirebbero la diagnosi tempestiva. Gran parte dei carcinomi ovarici, in particolare i carcinomi sierosi di alto grado, sono già metastatici all’origine, in quanto il 50% di essi origina dalla parte terminale della tuba di Falloppio (fimbria) e quando è ancora di dimensioni molto ridotte il tumore “sgocciola” e va a cadere sull’ovaio e nel peritoneo (addome). Purtroppo ancora oggi almeno il 75-80% delle diagnosi di tumore ovarico avviene quando il tumore è in fase avanzata (stadio III o IV). L’ecografia non aiuta a identificare la malattia negli stadi iniziali e tutti gli studi su test e screening di diagnosi precoce sono falliti. Quando c’è il sospetto, lo specialista indaga cominciando dalla visita ginecologica seguita dall’ecografia, dalla TC pelvica, addominale e toracica e, infine, verificando la presenza del marcatore tumorale CA-125 attraverso un semplice prelievo di sangue.

 

Che ruolo gioca la diagnosi tempestiva rispetto alla prognosi delle donne colpite da questa patologia?

Quando la diagnosi è molto tempestiva ed il tumore viene diagnosticato al primo stadio (confinato all’ovaio) la prognosi è eccellente, a 5 anni la sopravvivenza supera il 90% e possiamo parlare di guarigione. Purtroppo nella maggior parte dei casi, già quando si manifestano i primi sintomi, il tumore potrebbe essere allo stadio avanzato (III-IV). Se la diagnosi arriva quando il tumore ovarico è allo stadio III o IV lo scenario cambia: nel primo caso la sopravvivenza a 5 anni scende al 40%, nel secondo crolla al 20%. Dal momento che la malattia non si manifesta con sintomi specifici la diagnosi precoce è quasi impossibile, mentre è possibile la diagnosi tempestiva, quella cioè che permette di intervenire con maggiore successo attraverso la chirurgia. In questi casi si tratta di una chirurgia di alto livello e multispecialistica; durante l’intervento si asporta tutto il tumore che è possibile asportare, si tolgono l’utero, le ovaie e le tube e si puliscono tutti gli organi coinvolti per ottenere la migliore prognosi possibile. Bisogna dire che in Italia tutti i Centri sono abilitati a eseguire un intervento di chirurgia su pazienti con tumore ovarico, ma molti lo fanno in maniera inadeguata e questo condiziona pesantemente la prognosi. È importante che le donne sappiano che dopo la diagnosi è fondamentale rivolgersi a Centri qualificati e specializzati nel trattamento di questo tumore.

 

Un aspetto frequente – e drammatico – della storia del tumore ovarico è la comparsa delle recidive di malattia: in che misura si ripresentano? Come vengono gestite?

Le recidive sono, insieme alla diagnosi tardiva, il grande problema del tumore ovarico. In generale dopo la chirurgia la paziente viene sottoposta a cicli di chemioterapia che nella grande maggioranza dei casi funzionano perché fortunatamente questa neoplasia è molto responsiva alle terapie. Ma se il tumore è in stadio III o IV, in oltre il 70% dei casi si presenta una recidiva. Potremmo dire che il ritorno di malattia è quasi la norma. Ovviamente anche le recidive vengono curate in modo da cronicizzare la patologia, e dopo una recidiva una paziente può vivere anche molti anni. Se la recidiva è localizzata viene asportata chirurgicamente e/o viene trattata con farmaci chemioterapici, di solito con una buona risposta terapeutica. In definitiva una recidiva quasi sempre esclude la prospettiva della guarigione ma non priva la donna della possibilità di essere curata.

 

Quali obiettivi si pone lo specialista per la paziente nell’approccio al tumore ovarico nelle diverse forme della malattia? Che importanza ha avuto di recente, dopo quasi quindici anni di assenza di novità rilevanti, l’avvento delle terapie mirate anti-angiogenesi?

Per il tumore ovarico allo stadio I, l’obiettivo principale è la guarigione e il recupero di una buona qualità di vita. Negli stadi avanzati, la guarigione può essere raggiunta da circa il 30% delle pazienti. Per l’altro 70%, l’obiettivo si sposta sulla cronicizzazione della malattia: attraverso l’impiego dei farmaci più efficaci, si cerca di far convivere la paziente con il tumore il più a lungo possibile, assicurandole al tempo stesso la migliore qualità di vita. Quando si presenta una recidiva, l’obiettivo è che regredisca quanto più possibile e che la regressione o la scomparsa duri nel tempo il più a lungo possibile. In tal senso, i farmaci anti-angiogenici hanno contribuito a un grande avanzamento. Somministrati in associazione ai chemioterapici e come terapia di mantenimento, una volta terminati i cicli di chemio, riescono a tenere sotto controllo la malattia e procrastinano la recidiva. Si sono dimostrati efficaci sia in prima che in seconda linea. In definitiva grazie a questi farmaci la risposta della recidiva al trattamento risulta potenziata e si mantiene nel tempo.

Patologie correlate: 
Dimensione: 

Contenuti correlati