"Che ne sarà di mio figlio autistico quando non sarò più al suo fianco?"
  • Mer, 17/09/2014 - 14:54

“Cosa sarà di Tommy domani? Chi se ne occuperà quando il padre e la madre non avranno le energie per camminargli accanto? Chi potrà arginare le ansie, le crisi di quell’ ‘omaccione-bambino’ dalla forza incontrollabile?”. Giovedì 18 settembre alle 16.30 si terrà, nella sede centrale del Consiglio nazionale delle ricerche (Aula Convegni, entrata via dei Marrucini, Roma), la presentazione del libro di Gianluca Nicoletti ‘Alla fine qualcosa ci inventeremo – Che ne sarà di mio figlio autistico quando non sarò più al suo fianco?’, edito da Mondadori. Sulla scia del successo del precedente ‘Una notte ho sognato che parlavi’, che racconta la storia del suo rapporto con il figlio Tommy, affetto da autismo, l’autore, noto giornalista ed esperto di comunicazione, nel nuovo libro si pone, con disincantata e ironica lucidità, una serie di domande sul futuro del figlio autistico. Il libro intende rilanciare l’idea del progetto ‘Insettopia’, uno spazio destinato al benessere di questi ragazzi (e delle loro famiglie) anche dopo la maggiore età, quando per tutti diventano ‘fantasmi’. Un corteo di una ventina di macchine elettriche bianche e verdi attraverserà il centro di Roma per giungere a Piazzale Aldo Moro, sede del Cnr: ogni auto sarà guidata da una madre che avrà accanto il figlio autistico.

Intervengono i ricercatori del Cnr: Giovanni Pioggia dell’Istituto di fisiologia clinica, responsabile del progetto ‘Prima pietra’ per la teleriabilitazione dei disturbi autistici; Cosimo Distante dell’Istituto Nazionale di Ottica, che mostrerà il funzionamento di ‘Saracen’ (Socially Assistive Robots Autistic Children Education), un robot interattivo che si propone come ausilio alle terapie dei bambini; Augusto Pifferi dell’Istituto di Cristallografia, che presenterà un ‘sistema di dissuasione’ per chi parcheggia in aree di sosta destinate ai disabili. Interviene inoltre il Responsabile welfare del Pd Davide Faraone. Marco Ferrazzoli modererà l’incontro, al quale sarà ovviamente presente l’autore. Ci saranno poi altre persone che lavorano nel settore, genitori e persone a vario titolo interessate.

 

 

Patologie correlate: 
Dimensione: 

Contenuti correlati