Bambino con diabete e scuola, lo stato dell'arte nell'Isola

Istituzioni, medici e pazienti ancora insieme nella Giornata mondiale del diabete che quest'anno per la pediatria è dedicata al ”Bambino con diabete e la Scuola” a causa delle numerose criticità nell’inserimento scolastico. A Cagliari questa mattina nell'aula consiliare del Comune si è tenuto l'incontro promosso dalla Società italiana endocrinologia e diabetologia pediatrica e dall’associazione Diabete Zero. L'evento si è aperto con l'intervento dell'assessore comunale alle Politiche sociali e salute, Luigi Minerba, che ha puntato l'obiettivo sul ruolo delicato di istituzioni e scuola nell'inserimento del bambino con diabete per "non creare diseguaglianze o handicap sociali". Poi la palla è passata a Anna Paola Frongia, pediatra del servizio di Diabetologia Pediatrica dell'Ospedale Brotzu di Cagliari e responsabile regionale per quanto riguarda il diabete della Siedp, Società italiana di endocrinologia e diabetologia pediatrica affiliata della Sip, Società italiana di Pediatria e Francesco Pili, presidente di Diabete Zero Onlus.

L’Italia oggi può vantare un eccellente modello di assistenza al diabete in età pediatrica ma carente sugli aspetti sociali, in modo particolare nei rapporti con la scuola. La scuola svolge un doppio ruolo, di istruzione e formazione, ma rappresenta anche un momento importantissimo nel processo graduale di accettazione del diabete da parte del bambino. Avere il diabete non è un handicap ma rappresenta comunque una differenza. L’alunno con diabete deve sempre riflettere sulle conseguenze di quello che sta per fare, spesso deve compiere delle scelte, imparare ad autogestirsi. La  scuola deve garantire un adeguato inserimento del bambino con diabete senza creare problematiche psicologiche di esclusione o diversità.

Si sono susseguiti una serie di interventi per mettere in evidenza le due facce della medaglia, genitori e insegnanti. Da una parte la testimonianza di una mamma, Maria Cristina Manca, per rimarcare le difficoltà di inserimento del bambino dopo la diagnosi; dall'altra l'opinione di una insegnante della scuola elementare Satta. Antonio Farris, presidente della Federazione Diabete Sardegna onlus, ha illustrato nel dettaglio il “Documento strategico di intervento per l’inserimento del bambino, adolescente e giovane con diabete mellito in contesti scolastici”, elaborato dall’Agd, Associazione Diabete Giovanile. 

© tutti i diritti riservati 

Politica sanitaria: 
Patologie correlate: 

Contenuti correlati