Al Policlinico inaugurati Pronto Soccorso, Medicine d’urgenza, Cardiologia ed Emodinamica e Laboratorio centrale
  • Mer, 05/07/2017 - 17:27

L’Azienda ospedaliero universitaria fa un grande salto di qualità e si riorganizza: dal 12 luglio il Policlinico Duilio Casula si arricchisce di un grande, moderno e super tecnologico Pronto soccorso che è stato inaugurato questa mattina, alla presenza delle autorità civili, religiose e militari, dal direttore generale Giorgio Sorrentino, dal presidente della Regione Francesco Pigliaru e dall’assessore regionale della Sanità, Luigi Arru. Assieme al Pronto soccorso sono stati inaugurati anche il Laboratorio centralizzato e l’Emodinamica.


 

«Stiamo lavorando per dare alla Sardegna una sanità che funzioni, che sia efficiente e rassicurante, superando la frammentazione e garantendo servizi di qualità», ha detto il presidente Pigliaru. «I 40 milioni di risorse FSC, necessari per ottenere l’importante risultato che presentiamo oggi, sembravano definitivamente perduti.  Invece, grazie al lavoro congiunto e alla determinazione di tutti, siamo riusciti a rimetterli in gioco e a raggiungere l’obiettivo. Ed è solo una parte: completeremo l’investimento con i 70 milioni del Patto – ha concluso Francesco Pigliaru - la cui spendita avverrà con certezza di tempi».
 

«Si tratta di un giorno molto importante per l’Azienda ospedaliero universitaria di Cagliari – ha detto il direttore generale dell’Aou, Giorgio Sorrentino – il Policlinico diventa ancora più grande e all’avanguardia». Già, perché da mercoledì 12 cambieranno molte cose. Dal San Giovanni di Dio arrivano il Pronto Soccorso, le due Medicine d’urgenza, la Rianimazione (che al Policlinico raddoppia i posti letto) e tra pochi giorni anche la Cardiologia con l’Unità coronarica e l’Emodinamica.
 

«Per l’Aou di Cagliari – ha detto ancora Sorrentino – è un passo decisivo che consentirà ai nostri pazienti di trovare sempre maggiore assistenza e cure di qualità». Con uno sguardo sempre alla didattica e alla ricerca che, assieme all’assistenza, sono i punti fondanti e la missione di un’azienda ospedaliero universitaria all’avanguardia».

Per l’assessore della Sanità, Luigi Arru, il Policlinico “Duilio Casula” è l’esempio della sanità che cambia: «i cittadini hanno ora a disposizione un reparto nuovo e moderno di emergenza. Il modello a cui noi miriamo è quello della connessione, del lavoro in rete in un unico grande sistema sanitario regionale».

“L’inaugurazione di questa mattina è un nuovo tassello che mostra la crescita del nostro Ateneo, in particolare della Facoltà di Medicina e Chirurgia: per questo l’Università degli Studi di Cagliari è lieta del trasferimento del Pronto Soccorso dai locali dell’Ospedale San Giovanni di Dio ai più moderni spazi del Presidio Duilio Casula dell'Azienda ospedaliero-universitaria di Cagliari”. E’ il commento del Rettore dell’Università di Cagliari, Maria Del Zompo“L’iniziativa consentirà il miglioramento della attività didattica e di ricerca proprie dell'Azienda ospedaliero-universitaria – prosegue il Magnifico - dal momento che al suo interno insiste ed opera la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università degli Studi di Cagliari. Una logica conseguenza di ciò sarà il miglioramento della attività assistenziale e un supporto ulteriore alla alta specializzazione già esistente. Nel contempo si potrà migliorare l'attività del Presidio San Giovanni di Dio con  l’attivazione di numerosi ambulatori che – in accordo con quanto stabilito con la Regione - potranno continuare ad operare in stretta connessione con i reparti specializzati dell’AOU di Cagliari”.

 

“Il trasferimento dei reparti che ancora rimanevano al San Giovanni di Dio – conclude la prof.ssa Del Zompo - si inquadra in un’attività più complessiva che mira da un lato a continuare a formare sempre meglio i giovani medici  e operatori sanitari sardi, a dare loro conoscenza affinchè le competenze siano sempre più competitive, anche con riferimento alla alta formazione fornita dalle numerose Scuole di specializzazione dell’Ateneo. Dall’altro permetterà di offrire un sempre migliore servizio al territorio e alla popolazione”.

Il San Giovanni di Dio non lascia e si trasforma in Ospedale di Giorno con  l’Oculistica e il suo Pronto Soccorso  aperto 24 ore su 24, la  Dermatologia, la Clinica Odontoiatrica,  l’Anatomia Patologica, Farmacologia clinica, la Medicina Legale, il Day Hospital, il Day Surgery, i servizi ambulatoriali specialistici, il Centro Prelievi (che viene rafforzato) e il centro per le Cure Palliative.

Dimensione: 
Politica sanitaria: 

Contenuti correlati