Abbracciamo un sogno, il messaggio è virale: di cancro si vive
  • Mar, 04/03/2014 - 16:32

E' la forza del sorriso che spazza via le paure. Paure insormontabili che in certi momenti possono trascinare nel baratro. La paura della solitudine e di essere lasciati soli, abbandonati, nel momento in cui tutto sotto i piedi crolla: le certezze, il futuro, gli affetti. E' la forza del sogno che apre un varco nelle vite spezzate dal cancro. E' la forza di Maria Dolores Palmas, infermiera del Businco e "team leader" del "Gruppo Abbracciamo un sogno", un gruppo spontaneo formato da pazienti oncologici che affrontano il percorso di cura e di vita, che nella condivisione e creatività raggiunge il suo obiettivo di contenitore vitale. E' partendo dalla vita che scorre, non si ferma, nonostante la malattia, che Dolores ha avuto l'idea del gruppo. Un'esperienza che nasce all’interno del day hospital di Oncologia Medica del presidio ospedaliero A. Businco dall’incontro di due sogni: il sogno di una paziente e di un operatore. Il messaggio che vogliono diffondere è semplice ma fondamentale per chi inizia questo percorso di cura: di cancro si vive e lo diffondono attraverso momenti di aggregazione o creazione di spazi formativi-informativi dedicati a tutta la popolazione. Solo la settimana scorsa il flash mob di pazienti, medici e infermiere organizzato all'oncologico e diffuso in modo così massiccio sui social media grazie a un servizio del tg di Videolina, ha catturato l'attenzione generale facendo incetta di visualizzazioni e diventando virale.

"Il gruppo è nato dal bisogno di condividere esperienze, di programmare eventi per chi vive il percorso di malattia “cancro”, costellato di dubbi, speranze, gioie, colori e di quanto la vita quotidiana riserva a ciascuno nella costante ricerca del viver meglio con se stessi e con gli altri", spiega Maria Dolores Palmas. "Riunirsi, ritrovarsi con persone che hanno o hanno avuto lo stesso problema permette la condivisione dei “frammenti di vita” che a noi piace identificare nel caleidoscopio: frammenti di vetro colorato che riflettendosi in un gioco di specchi angolari riproducono infinite combinazioni di immagini e colori; metaforicamente la nostra vita con tutti i suoi colori. I colori della gioia, della tristezza, del dolore, della meraviglia, della felicità e della spensieratezza". Il gruppo, formato da donne, si incontra il primo lunedì del mese al day hospital al quinto piano del Businco. Sorriso aperto, stretta di mano d'acciaio e una forza che arriva dritta al cuore, senza filtri né barriere, l'infermiera che trascina e coordina il gruppo non si stanca di ripetere il messaggio: "Il cancro colpisce uno o più organi, ma chi si ammala di cancro resta la stessa identica persona del giorno prima della diagnosi, forse più sensibile, più emotiva, più attenta, più audace". Mettere nell'angolo la malattia e continuare a fare uscire la persona, i suoi colori, l'arcobaleno di emozioni che porta dentro sé che il cancro tenta di far sbiadire questo lo scopo di Abbracciamo un sogno. "La malattia entra a far parte della vita quotidiana di chi si ammala, della propria famiglia, dei propri affetti, ma occupa solo lo spazio che noi gli permettiamo di occupare".

 

GRUPPO ABBRACCIAMO UN SOGNO
c/o DH Oncologia Medica del P.O.  A. Businco
Via Jenner snc – CAGLIARI
- cell.     334 8352698
- mail     abbracciamounsogno@tiscali.it
- fb        Gruppo Abbracciamo un Sogno

 

 

Patologie correlate: 
Dimensione: 

Contenuti correlati